L’uomo rinascerà grazie alla natura: gli strumenti per far coincidere economia e ambiente ci arrivano dal passato

Economia e ambiente potrebbero "convivere", se solo l'uomo tornasse ai tempi antichi, quando si attribuiva un legame agli affari interni e alla natura

MeteoWeb

L’economia e l’ambiente, stando ad una prima analisi, potrebbero sembrare due mondi opposti, agli antipodi di due realtà parallele, profondamente distaccati da forme etiche di dubbia provenienza. Tuttavia, la recente nascita dell’economia ambientale come branca della disciplina economica, ha portato a pensare che ci possa essere un legame tra bisogni economici e sostentamento ambientale che nessuno aveva mai ipotizzato prima nelle moderne forme concrete. L’economia dell’ambiente si occupa degli effetti prodotti dalla variazione della dimensione del sistema economico (la “crescita economica”) sulle funzioni dell’ambiente. In altre parole, non è altro che il tentativo, interno all’economia neoclassica, di oltrepassare la visione tradizionale del sistema economico, del quale tuttavia conserva l’impianto teorico. Le parti restanti sono quindi la sovranità del consumatore, la fiducia nell’efficienza del mercato e nel meccanismo dei prezzi. Pur riconosciuta in parte dalla disciplina, la dimensione bio-fisica non è ancora stata assunta completamente dalla materia complessiva. I temi principalmente analizzati dagli economisti ambientali sono quelli che covano  un’interazione diretta con il processo economico:

il livello di inquinamento accettabile da un sistema e gli strumenti di politica economica ad esso collegati;
l’analisi della legislazione ambientale e degli accordi internazionali dedicati alla protezione delle risorse ambientali;
-La valutazione dei beni extra-mercato.

pianta ambiente natura sostenibilità
Natura

Qualsiasi approccio rivolto all’ambiente non può non considerare l’aspetto economico: vi è un valore economico intrinseco nell’ambiente e nelle risorse della natura. Inoltre, l’ambiente e il sistema economico sono congiunti nella concezione di “eco-sistema”: qualsiasi attività produttiva prevede l’utilizzo delle risorse naturali, delle fonti di energia e delle materie prime. D’altro canto, fin dalla preistoria, ogni attività umana è influenzata dall’ambiente La presenza di fiumi e di risorse incide sula scelta degli insediamenti, il benessere e la crescita demografica della popolazione. Per fare un esempio, le prime civiltà umane ( Antico Egitto, Mesopotamia ) sono state erette lungo le sponde di grandi fiumi ( Nilo, Tigri, Eufrate ).Le antiche civiltà volevano la costruzione di una città congiunta agli affari interni, di modo quindi da tutelare la vita e l’economia. Nel corso della storia il rapporto tra uomo e ambiente è, purtroppo, radicalmente cambiato. A partire dalla rivoluzione industriale del XIX secolo, le attività umane hanno cominciato a devastare interi macrosistemi ambientali ( inquinamento, deforestazione, rifiuti, ecc. ) arrivando quasi a distruggere l’ecosistema globale ( effetto serra, buco nell’ozono, ecc. ). Eppure, ancora oggi l’uomo è dipendente da molti aspetti ambientali, come le risorse naturali e le energie eco-sostenibili. L’ambiente ha bisogno di noi e noi abbiamo bisogno di esso: vale la pena ripartire da zero, dall’inizio dei tempi, quando ancora l’uomo sapeva apprezzare il valore di madre natura.