Niente scuola per i bimbi non vaccinati, nuova legge a New York

La nuova legge statale è stata emanata in coincidenza con il focolaio di morbillo iniziato nella seconda metà del 2018

MeteoWeb

Inizia con un clima da resa dei conti per i ‘No vax‘ l’anno scolastico a New York. Secondo una nuova legge dello Stato, che ricorda da vicino la normativa italiana, tutti i bambini dovranno essere vaccinati entro le prime due settimane di lezione, e completare il ciclo entro la fine dell’anno scolastico, altrimenti niente scuola. Per 26.000 bambini e adolescenti (e per i loro genitori) che fino ad ora non si erano immunizzati è dunque tempo di scegliere, come riferisce il ‘New York Times’. Le esenzioni religiose per le vaccinazioni non sono più valide.
La nuova legge statale è stata emanata in coincidenza con il focolaio di morbillo iniziato nella seconda metà del 2018, mettendo fine alle esenzioni per motivi religiosi in tutte le scuole e i centri di assistenza all’infanzia. E così anche i genitori scettici e i No vax sono costretti a scegliere i vaccini. O a optare per lezioni a domicilio.
L’epidemia di morbillo che ha portato alla nuova legge si sta effettivamente attenuando. Martedì scorso, il sindaco Bill de Blasio ha dichiarato la fine del focolaio a New York City, il suo epicentro. Dall’inizio dell’epidemia, nell’ottobre 2018, si sono contati 654 casi di morbillo in città e 414 in altre parti dello Stato, ma ormai il virus sembra aver rallentato. La grande maggioranza dei casi ha coinvolto bambini non vaccinati nelle comunità ebraiche ultraortodosse, dove i tassi di immunizzazione erano molto inferiori rispetto alla media statale del 96%. Ma le autorità sanitarie hanno avvertito che all’inizio della scuola la malattia potrebbe facilmente riaffacciarsi se i tassi di vaccinazione scendessero di nuovo.