Alluvione in Piemonte, Alessandrino in ginocchio: un morto, frane, allagamenti ed evacuazioni [LIVE]

Apprensione in Piemonte, in particolare in provincia di Alessandria, per una violenta ondata di maltempo che sta causando ingenti danni

  • Ponte crollato a Castelletto d'Orba (Alessandria, Piemonte)
    Ponte crollato a Castelletto d'Orba (Alessandria, Piemonte)
/
MeteoWeb

Notte di paura in Piemonte, in particolare in provincia di Alessandria, per una violenta ondata di maltempo che ha causato ingenti danni.
E’ stato ritrovato morto il tassista disperso da ieri sera nell’Alessandrino: il corpo dell’uomo, che era partito da Genova per condurre un cliente nella zona di Serravalle, è stato trovato a Capriata, località Villa Carolina. Ritrovato, vivo, il cliente, un rappresentante inglese che per lavoro si stava recando in un golf club.
Sono stati ritrovati vivi due dispersi, entrambi anziani, nell’alto Monferrato.
Nella notte, a Capriata d’Orba, i Vigili del fuoco hanno salvato un brasiliano che era rimasto aggrappato a una pianta in mezzo al torrente Orba, attraversato da un flusso tumultuoso di acqua: l’uomo è stato tratto in salvo e trasportato in ospedale in stato di ipotermia.
Ritrovato dai vigili del fuoco e affidato al personale sanitario l’agricoltore disperso con il trattore a Mornese (Alessandria).

Dopo aver superato i 9 metri, il livello del Bormida è ora in calo: il ponte che lo attraversa resterà chiuso fino a che non sarà possibile ispezionarlo.
Allagamenti e frane si sono registrati su strade ex statali e provinciali, in particolare a Ovada, tra Gavi e Francavilla Bosio, tra Novi e Pozzolo Formigaro.
Oggi le scuole sono chiuse nel capoluogo e in numerosi altri centri.
La Protezione civile ha reso noto che sull’autostrada A21 è chiuso per allagamenti lo svincolo in direzione Milano della A7.

Il Dipartimento della Protezione Civile sta seguendo, in stretto contatto con le autorità regionali impegnate sul territorio, la situazione creatasi a seguito dell’ondata di maltempo che in queste ore sta investendo le regioni del nord, in particolare il Piemonte. Le principali criticità si registrano nell’Alessandrino, dove al momento risultano circa 130 evacuati. Il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, si sta recando sul posto. Inoltre, nella mattinata, un team di esperti del Dipartimento, raggiungerà le zone interessate dal maltempo a supporto delle autorità locali impegnate nella gestione dell’emergenza.

Le valli Antigorio e Formazza, nella provincia del Verbano Cusio Ossola, sono isolate da questa notte: a causa delle piogge, una frana si è staccata dalla montagna a Crodo intorno alle due di notte. Fango e detriti hanno invaso la carreggiata in località Ronco sulla SS659, dal km 6 al km 6.2. Il traffico è interrotto ad ogni mezzo fino a diversa comunicazione da parte di Anas. L’interruzione impedisce l’accesso ad entrambe le valli: le due strade principali si trovano a monte della frana.
Le scuole di Crodo e Baceno rimarranno chiuse perché la maggior parte del personale non riesce a raggiungere la valle. Comunque la situazione e’ sotto controllo,” spiega il sindaco Ermanno Savoia. La protezione civile segnala che in un’altra valle dell’Ossola, la valle Antrona, è prossimo all’esondazione per le forti piogge il lago di Antrona. Per fare il punto sulla situazione il perfetto di Verbania ha convocato una riunione tecnica.

Colonne mobili di volontari, con relativi mezzi, stanno raggiungendo la zona colpita da Torino, Novara, Vercelli e Asti. Numerose le frane e gli smottamenti, informa la Protezione civile della Regione Piemonte, nella zona di Gavi. A Bosio, 700 persone sono rimaste senza acqua e 500 senza elettricità. Evacuate 80 persone a Castelletto d’Orba, 40 a Gavi e 10 a Casalnoceto.
Sono 1.600 le utenze senza energia elettrica nell’Alessandrino: in corso gli interventi dei tecnici per ripristinare la luce nei comuni di Novi Ligure, Bosco Marengo, Gavi, Casal Cermelli, Villavernia, Frugarolo, Parodi, Bosio, Carezzano, Monleale e Tassarolo.

Situazione difficile, in Valsesia e Val Mastallone, nel Vercellese, dove sono state impegnate le squadre dei Vigili del Fuoco provenienti da tutto il Comando Provinciale di Vercelli. In località Valmaggia lo straripamento di un rio di deflusso delle zona montana ha reso necessario chiudere una parte della viabilità: nella notte è stato creato uno sbarramento per scongiurare allagamenti nelle abitazioni a valle, ma la zona resta tuttora chiusa. Allagamenti e smottamenti hanno coinvolto vari punti della Valsesia. Attualmente restano alcuni problemi sulle strade.