Acqua alta a Venezia, Conte: “Nessuno resterà solo. Oggi in CdM dichiareremo lo stato di emergenza” [FOTO]

"Il governo è solidale e presente, nessuno resterà da solo": lo ha affemato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, da Venezia

  • Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
    Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
  • Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
    Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
  • Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
    Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
  • Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
    Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
  • Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
    Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
  • Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
    Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse
/
MeteoWeb

Il governo è solidale e presente, nessuno resterà da solo“: lo ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, da Venezia. Il premier ha posta anche una foto che lo ritrae con Walter Mutti, un commerciante della città lagunare. “Ha perso la sua edicola, sommersa dall’impeto delle acque. Stamane l’ho incontrato in Prefettura a Venezia: ho ascoltato le sue parole di dolore, uguali a tante altre che mi giungono dai cittadini veneziani“.

Nel Consiglio dei ministri di oggi adotteremo il decreto che dichiara lo stato di emergenza. Ci è stato chiesto dal presidente della Regione. Questo ci consentirà di varare le prime dotazioni finanziarie per quanto riguarda le spese di primo soccorso e volte a ripristinare la funzionalità dei servizi. Per quanto riguarda invece il ristoro dei danni ci sono due fasi. La prima ci consentirà di indennizzare privati ed esercenti commerciali, sino a un limite rispettivamente di 5mila e 20mila euro. Questi soldi potranno arrivare subito. Chi ha danni più consistenti li quantificheremo con più calma e potranno essere liquidati“: lo ha dichiarato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Venezia al termine della riunione in prefettura.