Crollo viadotto A6 Torino-Savona, testimone: “Sono vivo per miracolo, ho pensato al Ponte Morandi”

Crollo viadotto, testimone: "Ancora non so come ho fatto a fermarmi, sono salvo per miracolo. Ho ancora impresse le immagini del Ponte Morandi"

  • Marco Alpozzi/LaPresse
    Marco Alpozzi/LaPresse
  • Marco Alpozzi/LaPresse
    Marco Alpozzi/LaPresse
  • Marco Alpozzi/LaPresse
    Marco Alpozzi/LaPresse
  • Marco Alpozzi/LaPresse
    Marco Alpozzi/LaPresse
  • Marco Alpozzi/LaPresse
    Marco Alpozzi/LaPresse
  • Marco Alpozzi/LaPresse
    Marco Alpozzi/LaPresse
  • Marco Alpozzi/LaPresse
    Marco Alpozzi/LaPresse
  • Marco Alpozzi/LaPresse
    Marco Alpozzi/LaPresse
  • Marco Alpozzi/LaPresse
    Marco Alpozzi/LaPresse
/
MeteoWeb

Ancora non so come ho fatto a fermarmi, sono salvo per miracolo. Ho ancora impresse le immagini del Ponte Morandi, ho pensato al peggio, se non fossi riuscito a fermarmi prima… Un conto è vedere queste cose in tv una cosa è viverle“: lo ha dichiarato Daniele Cassol,che ieri si trovava sull’autostrada A6 Torino-Savona, nel tratto interessato dal crollo di una porzione del viadotto della Madonna del Monte, a pochi km dallo svincolo con la A10. La sua testimonianza è riportata da Sky Tg24.
Quando il 56enne si è accorto del cedimento ha segnalato il pericolo agli altri automobilisti: “Ero in fase di sorpasso quando ho visto una persona che sbracciava e ho pensato avesse qualche malore. Poi mi sono voltato e ho visto tutto nero, il viadotto non c’era più“. “Ho cercato di bloccare tutte le macchine, arrivava anche un pullman con decine di persone a bordo. Mi sono sporto per vedere se qualche auto era finita giù e per fortuna non ho visto nessuno. Sarebbe potuto andare molto peggio“.