Maltempo Piemonte: frane e allagamenti tra Alessandrino e Cuneese, sfollati e isolati

Ondata di maltempo in Piemonte: situazione in via di miglioramento nell'Alessandrino, ancora difficile nel Cuneese

MeteoWeb

In Piemonte ci sono “almeno 130 strade chiuse, dunque una regione completamente bloccata con oltre 550 sfollati che hanno dormito negli alberghi messi a disposizione dalla protezione civile e altre 600 persone almeno isolate nell’acquese e nel Bormida“: lo ha affermato il presidente del Piemonte, Alberto Cirio, intervistato su La7 durante la trasmissione Coffee Break.

Situazione in via di miglioramento nell’Alessandrino, area piemontese tra le più colpite dell’ondata di maltempo delle ultime ore. Il livello del fiume Bormida ad Alessandria è rientrato sotto la soglia di pericolo e prosegue nel calo. Anche il Tanaro a Montecastello è in calo costante ed è prossimo a rientrare sotto la soglia di pericolo. Resta costante il livello del Tanaro ad Alessandria intorno alla soglia di guardia: la discesa è prevista nelle prossime ore.
Molti i disagi sulle strade, sia per frane che per allagamenti, mentre sul territorio provinciale sono segnalate 143 disalimentazioni elettriche. Chiusa fino a domani la ferrovia Acqui-Alessandria.
Si attende il passaggio della piena del Po nel nord della provincia.
Ancora 200 le persone fuori casa e 160 gli isolati.

Situazione ancora difficile anche nel Cuneese: nella pianura Saviglianese resta critica la viabilità con numerose provinciali chiuse al transito per allagamenti. Sotto il livello di guardia i fiumi e i torrenti più importanti, a preoccupare sono i canali della rete idrografica minore.
Allarme rientrato a Cardè, dove l’acqua è defluita.
In montagna, su tutto l’arco Cuneese il livello di pericolo valanghe è “forte”. Gli accumuli di neve fresca superano il metro e mezzo in quota.