Maltempo Piemonte, sindaci dell’Alessandrino: “È un bollettino di guerra, 4 milioni di danni solo ad Acqui città”

Maltempo Piemonte, quello del 23-24 novembre è "un evento di proporzioni enormi, senza precedenti che si ricordino, che stiamo ancora affrontando"

MeteoWeb

Un bollettino di guerra“. Così al Comune di Acqui Terme (Alessandria) a proposito dei danni e dei disagi provocati dalle ultime ondate di maltempo. L’occasione è stata un incontro con più di una ventina di sindaci di Acquese, Ovadese e Novese, il presidente della Provincia, Gianfranco Baldi, gli assessori regionali Marco Gabusi e Marco Protopapa, il parlamentare Federico Fornaro. Secondo una prima stima del Comune ci sono 4 milioni di euro di danni solo per Acqui città e si arriva a sfiorare circa i 50 per l’intero territorio“. Come rimarcato dal sindaco di Acqui, Lorenzo Lucchini, soprattutto quello del 23-24 novembre è “un evento di proporzioni enormi, senza precedenti che si ricordino, che stiamo ancora affrontando”. Sono da risolvere criticità per trasporti, viabilità, gestione servizi luce, acqua e gas. Intanto la Provincia è al lavoro con Anas e ministero dei Trasporti per un protocollo d’intesa sugli interventi più difficili. “Roma – afferma Baldi – è pronta a darci una mano. Serve un’estensione dello stato di emergenza. A tutti i cittadini chiedo comprensione e pazienza perché l’evento è andato al di là di ogni aspettativa e previsione“.