Meteo, violento Nor’easter negli USA: Outer Banks sepolte dalla sabbia [FOTO]

Un potente Nor'easter ha colpito parti della costa orientale degli USA: i forti venti e i mari agitati hanno spinto la sabbia nell'entroterra, accumulandola fino a 1,5 metri

/
MeteoWeb

Quando si sente parlare di “Nor’easter” negli Stati Uniti, solitamente si pensa alla neve. Invece la recente tempesta che ha colpito parti della costa orientale degli USA ha ricoperto l’area non di neve ma di sabbia. In particolare, la tempesta si è concentrata sulle coste della Carolina, soprattutto alle Outer Banks. “Per gran parte del weekend, i venti hanno soffiato ad oltre 96km/h intorno a Cape Hatteras, nel North Carolina, alimentando enormi onde che hanno demolito le dune”, riporta Jonathan Petramala, reporter del Servizio Meteorologico Nazionale. La pioggia e le grandi onde, insieme al vento, hanno sferzato la costa e lasciato conseguenze distruttive (vedi foto della gallery scorrevole in alto), anche nelle aree che avevano già subito gli effetti dell’uragano Dorian nel mese di settembre.

I mari molto agitati hanno spinto la sabbia nell’entroterra, distruggendo completamente alcune dune. Nella città di Avon (North Carolina), un’auto è stata sepolta sotto 1,2-1,5 metri di sabbia, riporta Petramala. Nelle vicinanze, una piscina è stata letteralmente riempita dalla sabbia, invece che dall’acqua. “Quelle onde hanno chiuso la Highway 12 da sabato, l’unica autostrada nord-sud qui alle Outer Banks, bloccando essenzialmente tutti da Rodanthe ad Hatteras”, ha aggiunto Petramala. “Le persone non lavorano questa settimana, la maggior parte dei ristoranti sono chiusi, questo fa male a tutti”, ha dichiarato ad AccuWeather Robin Mills, residente alle Outer Banks. Il North Carolina Department of Transportation ha lavorato senza sosta per combattere le onde e rimuovere tutta la sabbia dall’autostrada, che alla fine ha riaperto nelle scorse ore.

Ma non tutte le dune sono state distrutte dalla tempesta. “È davvero impressionante, la sezione delle dune dove c’era vegetazione sono rimaste e quelle case sono state protette. Quando la vegetazione era più debole, le onde le hanno davvero distrutte. Questa è la terza tempesta come questa che colpisce le Outer Banks da settembre e sta diventando costoso perché, ancora una volta, i proprietari dovranno spalare come se fosse una blizzard”, ha spiegato Petramala. “Con l’eccezione che con la blizzard, la neve si scioglie”, ha aggiunto Mills.

Questa serie di tempeste che ha sferzato le Outer Banks ha lasciato alcune case in situazioni pericolose, davanti alla potenziale distruzione a causa di future tempeste. “Alcune di queste case stanno per crollare nel mare, soprattutto se ci saranno altri Nor’easter”, ha aggiunto Petramala. E purtroppo gli Stati Uniti stanno entrando nel periodo dell’anno in cui questo tipo di tempeste è tipico.