Tartufo bianco, il prezzo schizza alle stelle: battuto a 375 euro l’etto [GALLERY]

Il prezzo del tartufo bianco aumenta del 50% in meno di un mese e schizza a 375 euro all'etto al borsino del tartufo di Alba

  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/
MeteoWeb

Il prezzo del tartufo bianco aumenta del 50% in meno di un mese e schizza a 375 euro all’etto al borsino del tartufo di Alba, punto di riferimento a livello nazionale, dove ad inizio ottobre le prime quotazioni di avvio stagione erano di appena 250 euro all’etto. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti in occasione dell’asta mondiale del tartufo bianco di Alba a Grinzane Cavour. I valori sono ora ancora lontani ai massimi toccati negli ultimi anni con i 500 euro nel 2012 e i 450 euro all’etto del 2017 per pezzature medie attorno ai 20 grammi.

Il Tuber magnatum Pico, sottolinea la Coldiretti, si sviluppa in terreni che devono restare freschi e umidi sia nelle fasi di germinazione che in quella di maturazione. Dal Piemonte alle Marche, dalla Toscana all’Umbria, dall’Abruzzo al Molise, ma anche nel Lazio e in Calabria sono numerosi, precisa la Coldiretti in una nota, i territori battuti dai ricercatori. Si stima che siano coinvolti complessivamente oltre centomila i raccoglitori ufficiali che riforniscono negozi e ristoranti ed alimentano un business che comprensivo di indotto sviluppa un valore stimato in circa mezzo miliardo di euro tra fresco, conservato o trasformato anche grazie alla grande capacità di attrazione turistica ed enogastronomica.

A corredo dell’articolo la fotogallery LaPresse “Tartufo d’Alba, si ripete oggi il rito dell’asta mondiale“.