6 anni fa il dramma di Schumacher, la speranza resta viva. La moglie: “Stiamo facendo di tutto per aiutarlo”

Esattamente 6 anni, il 29 dicembre del 2013, sulle Alpi francesi si verificava l'incidente sugli sci che ha cambiato per sempre la vita del campione di Formula 1

MeteoWeb

Il 29 dicembre 2013, esattamente 6 anni fa oggi, la vita di Michael Schumacher è cambiata per sempre dopo il tragico incidente sugli sci a Meribel, sulle Alpi francesi, che gli ha provocato un gravissimo trauma cranico. Schumi è rimasto in condizioni critiche e coma indotto per mesi e mesi e ha impiegato 254 giorni prima di lasciare l’ospedale per fare ritorno nella sua dimora a Gland, nel cantone di Vaud, sul lago di Ginevra. Da allora, è sceso il silenzio sul sette volte campione del mondo di Formula 1, circondato dall’affetto dei suoi cari, la moglie Corinna in primis, e di uno staff medico che lo segue passo passo.

michael schumacher saluteIn questi anni si è saputo ben poco, però si sa che sono circa dieci gli esperti di riabilitazione, tra fisioterapisti, infermieri e accompagnatori, che aiutano la famiglia Schumacher nell’assistere Michael. “Niente è rimasto intentato per velocizzare la guarigione di Schumacher“, ha scritto la Bild, riportando, tra le altre cose, come gli venga fatto ascoltare il rombo del motore del suo vecchio bolide. Dopo anni di silenzio, nel 2019 ci sono state grandi novità: Schumi avrebbe visitato l’ospedale George Pompidou di Parigi in diverse occasioni e la scorsa estate sarebbe stato sottoposto a un trattamento sperimentale con cellule staminali. Secondo la testimonianza di un’infermiera riportata da ‘Le Parisien’, l’ex pilota sarebbe “cosciente” (“Ma sì che è nel mio reparto e posso assicurarti che è consapevole e cosciente“, la frase anonima riportata dal quotidiano parigino).

Poi di nuovo il silenzio, salvo qualche breve parentesi aperta dalla moglie Corinna: “Potete stare certi che è nelle migliori mani possibili – ha detto in un’intervista a ‘She’s Magazine’ della Mercedes – e che stiamo facendo di tutto per aiutarlo. Vi preghiamo di comprendere che stiamo seguendo le volontà di Michael nel mantenere riservato un argomento così delicato come la sua salute“. Schumacher compirà 51 anni il 3 gennaio e ad oggi solo pochissime persone e amici hanno avuto la possibilità di avvicinarsi a lui dopo il terribile incidente. Tra loro c’è Jean Todt, il presidente della FIA ed ex capo della Ferrari: “Non passa mese, anche nei periodi più fitti di impegni, che io non passi a trovarlo e gli stia vicino a mio modo, nel modo che è ancora possibile”, le parole dell’amico che un anno fa fece sapere di “aver visto il Gp del Brasile con lui“.

Proprio oggi, intanto, è stata pubblicata una nuova pagina di social media intitolata “KeepFightingMichael”, creata dal fan club della sua cittadina natale, Kerpen, vicino a Colonia. Il fan club utilizzerà l’hashtag #KeepFighting per aumentare l’interesse sui social media. L’omonima fondazione della famiglia Schumacher sta raccogliendo fondi per la ricerca sulle lesioni cerebrali e del midollo spinale.