Incendi in Australia, asfissiati dai fumi tossici: a Sidney è emergenza sanitaria

"L'inquinamento atmosferico nel Nuovo Galles del Sud è un'emergenza per la salute pubblica", ha dichiarato la Climate and Health Alliance

MeteoWeb

Da settembre, l’Australia è stata devastata da centinaia di incendi boschivi che stanno destando serie preoccupazioni tra i medici. Soprattutto a Sydney, che sta affrontando un’emergenza sanitaria legata ai fumi tossici che circondano la città da settimane. Più di venti organizzazioni mediche professionali, tra cui il Royal Australasian College of Physicians – che riunisce 25.000 medici e tirocinanti – hanno rilasciato una dichiarazione congiunta per chiedere al governo di affrontare questo inquinamento atmosferico tossico. “L’inquinamento atmosferico nel Nuovo Galles del Sud è un’emergenza per la salute pubblica“, ha dichiarato la Climate and Health Alliance. “Il fumo degli incendi ha causato l’inquinamento atmosferico fino a undici volte il livello considerato “pericoloso” in alcune parti di Sydney e del Nuovo Galles del Sud“, afferma la nota. Questo fumo “è particolarmente pericoloso a causa degli alti livelli di polveri sottili di PM 2,5“, continua la nota.

AFP/LaPresse

I servizi sanitari nello Stato hanno registrato un aumento del 48% del numero di persone che si sono recate al pronto soccorso per problemi respiratori nella settimana terminata l’11 dicembre, rispetto a una media quinquennale. Questa cifra ha raggiunto l’80% il 10 dicembre, quando la qualità dell’aria si è notevolmente deteriorata a Sydney. Il giorno successivo, quasi 20.000 persone hanno manifestato in città per chiedere al governo di combattere i cambiamenti climatici. L’Alleanza ha inoltre invitato il governo ad adottare misure urgenti per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, affermando che i cambiamenti climatici stanno rendendo questi incendi “devastanti per la salute umana“. Il Primo ministro australiano ha ammesso la scorsa settimana che il cambiamento climatico è stato uno dei “fattori” alla base dei devastanti incendi. Scott Morrison, tuttavia, ha difeso i precedenti dell’Australia nella riduzione delle emissioni di gas serra e non ha annunciato alcuna nuova misura.