Natale, il chirurgo: sotto l’albero “medicina estetica più che ritocchi”

Un'inclinazione testimoniata anche dal grande aumento dei trattamenti di medicina estetica segnalato dalle stime dell'Osservatorio Aicpe

MeteoWeb

Un intervento al seno come dono natalizio per la figlia, o un lifting per rinfrescare il volto della consorte? Il ritocco sotto l’albero in realtà “è una moda un po’ statunitense, che punta a sfruttare la pausa obbligatoria dal lavoro. Consente una convalescenza discreta, ma da noi non ha mai preso piede più di tanto. In Italia il dono di bellezza è declinato più nell’aspetto della medicina estetica: penso alla tossina botulinica donata alla mamma da una figlia, o al trattamento anticellulite regalato questa volta dalle madri alle figlie“. Parola di Pierfrancesco Cirillo, chirurgo plastico e presidente di Aicpe (Associazione italiana chirurghi plastici estetici).
Un’inclinazione testimoniata anche dal grande aumento dei trattamenti di medicina estetica segnalato dalle stime dell’Osservatorio Aicpe: per quanto riguarda le sostanze iniettabili per il ringiovanimento del volto, l’incremento nel 2018 è stato del 6% rispetto al 2016, mentre i trattamenti con apparecchiature biomedicali hanno visto una crescita vicina al 73%.