“Ossigeno” per la ricerca sulla fibrosi cistica: presentata allo Skyway Monte Bianco l’inedita iniziativa di raccolta fondi

Presentato allo Skyway Monte Bianco il progetto artistico "Ossigeno" a sostegno dell'attività di ricerca promossa da Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica

MeteoWeb

L’ossigeno che si respira, scontato per le persone in salute, è ciò che viene a mancare ai polmoni dei malati di fibrosi cistica, la malattia genetica grave più diffusa, che altera le secrezioni di molti organi, danneggiando, in particolare, progressivamente bronchi e polmoni, fino all’insufficienza respiratoria. Un bisogno vitale di aria e di respiro che ha ispirato il progetto charity-artistico “Ossigeno” a sostegno di Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica, presentato in una location emblematica e spettacolare: la stazione Pavillon della funivia Skyway Monte Bianco, a 2.173 metri di altezza, sulla vetta più estrema d’Italia. In alta quota ma con i piedi per terra, per ricordare l’importanza della ricerca scientifica promossa da FFC che, in questo momento di grande fermento per le cure, è all’opera su composti terapeutici promettenti, che colpiscono la malattia alla sua radice, somministrabili fin dalla nascita alla maggior parte dei malati di fibrosi cistica.

ossigeno fibrosi cisticaL’inedito calendario fotografico 2020 e una mostra spettacolo itinerante con coreografie che celebrano la danza e il movimento come linfa vitale, libertà, piacere e dedizione, sono gli ingredienti salienti dell’iniziativa ideata da Daniela Tricerri, direttrice artistica di Freebody Courmayeur in Danza, in sinergia con la Scuola di Sci Monte Bianco e la Società Guide Alpine di Courmayeur.

Presenti all’incontro anche il vice presidente FFC Paolo Faganelli affiancato da due grandi artisti italiani, anch’essi testimonial FFC, il cantautore Alberto Fortis e il musicista Piero Salvatori.

A ulteriore prova del valore artistico e culturale del progetto, la speciale partecipazione di testimonial d’eccezione di fama mondiale che hanno prestato il proprio volto all’iniziativa: Carla Fracci, stella del firmamento della danza italiana, Simone Origone campione del mondo di km lanciato e Guida Alpina, e Federica Brignone, campionessa olimpionica di sci alpino.

Nelle immagini, realizzate dai fotografi professionisti Moreno Vignolini, Roberto Roux e Katarina Premfors, sono ritratti i giovani talenti di Courmayeur in Danza, insieme alle guide della Società Guide Alpine di Courmayeur e ad alcuni dei maestri della scuola Sci Monte Bianco, tra cui Edoardo Hensemberger, testimonial di Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica che, intervenuto all’incontro di presentazione, ha dichiarato: “Con la fibrosi cistica è difficile respirare. Ho sempre visto la montagna e lo sci come un aiuto a gestire bene la malattia, perciò sono davvero felice che il calendario “Ossigeno”, nome significativo sia per la montagna sia per la fibrosi cistica, nasca a Courmayeur. Passo qui circa 100 giorni all’anno, è un po’ casa mia, mi alleno e questo migliora il mio respiro e la mia vita quotidiana. Con “Ossigeno”, è come se la Fondazione venisse a casa mia! Anche la ricerca ha bisogno d’ossigeno, per questo mi impegno da anni come testimonial della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica e spero che questo progetto sia un successo”.

PRIMO APPUNTAMENTO CON LA MOSTRA SPETTACOLO IL 25 GENNAIO A COURMAYEUR

ossigeno fibrosi cisticaLa mostra spettacolo andrà in scena per la prima volta il prossimo 25 gennaio a Courmayeur per poi essere ospitata in altri teatri italiani (sono in programma appuntamenti ad Aosta, Vercelli, Alessandria, Milano, Matera e Genova). L’esposizione riguarderà gli scatti artistici del Calendario e a ogni tappa i ballerini daranno vita agli scatti, esibendosi in 12 coreografie originali. Assieme al corpo di ballo saliranno sul palco anche alcuni ospiti speciali. Protagonisti del primo appuntamento saranno i due apprezzati docenti di Courmayeur in Danza: Oliviero Bifulco, diplomato alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala di Milano, ha fatto parte del corpo di ballo dell’Opéra National de Bordeaux e nel 2017 ha partecipato alla trasmissione televisiva Amici di Maria de Filippi, e Little Phil, che in Italia è conosciuto grazie al programma “Academy”, coreografo di Craig David, Justin Timberlake e Mariah Carey. L’intero ricavato dell’evento sosterrà l’attività di ricerca scientifica promossa dalla Fondazione FFC, riconosciuta dal MIUR come Ente promotore dell’attività di ricerca FC.