La capsula Crew Dragon supera il test di sicurezza: SpaceX potrebbe portare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale a partire da aprile [VIDEO]

Gli astronauti della NASA non vengono lanciati dagli Stati Uniti dalla fine del programma Space Shuttle nel 2011: la Crew Dragon permetterà di tornare a farlo presto

MeteoWeb

SpaceX ha completato con successo l’ultimo grande test della sua capsula Crew Dragon prima di poter lanciare degli astronauti verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nei prossimi mesi. L’azienda fondata e guidata da Elon Musk ha simulato una fuga di emergenza nei cieli sopra Cape Canaveral, in Florida. Un razzo Falcon 9 è decollato normalmente, ma dopo pochi minuti, la capsula Crew Dragon, con un paio di manichini a bordo, è stata catapultata fuori a 20km di altezza. I potenti propulsori della capsula l’hanno allontanata dal pericolo, mentre i motori del razzo sono stati volutamente spenti e il Falcon 9 è precipitato fuori controllo, esplodendo in un’enorme palla di fuoco e schiantandosi nell’Atlantico (vedi video in fondo all’articolo). La capsula ha raggiunto un’altezza di 44km prima di paracadutarsi nell’oceano, mettendo fine al test. Entro pochi minuti, una nave di recupero ha raggiunto la capsula.

Il test è durato circa 9 minuti. Tutto è andato bene nonostante il mare mosso e il cielo coperto. Riciclato da 3 lanci precedenti, il razzo di SpaceX è stato distrutto nel test. SpaceX normalmente cerca di recuperare i suoi razzi per ridurre i costi di lancio, facendoli atterrare in posizione verticale su una piattaforma galleggiante o di nuovo al sito di lancio.

Sono super eccitato. Sarà meraviglioso riportare gli astronauti in orbita dal suolo americano dopo quasi un decennio in cui non siamo stati in grado di farlo. È semplicemente entusiasmante”, ha dichiarato Musk. Gli astronauti della NASA non vengono lanciati dagli Stati Uniti dalla fine del programma Space Shuttle nel 2011. Musk e Jim Bridenstine, amministratore della NASA, hanno affermato che la prossima capsula Crew Dragon potrebbe essere lanciata con due astronauti della NASA a partire da aprile. Kathy Lueders, manager del programma di equipaggio commerciale della NASA, ha dichiarato che il test è stato “il nostro ultimo traguardo” prima di permettere a SpaceX di lanciare Doug Hurley e Robert Behnken verso la Stazione Spaziale Internazionale. La data del loro lancio dipenderà, in parte, dal fatto se la NASA deciderà di tenerli per mesi nel laboratorio spaziale o solo per una-due settimane. Una missione più lunga richiederà più addestramento prima del volo.

Doug Hurley e Robert Behnken. Credit: SpaceX

Gli astronauti hanno assistito al test di sicurezza. Hurley ha detto che è stato “molto bello vedere” la capsula a bordo della nave entro due ore e ha aggiunto: “Guarderemo cosa mostrano i dati e ripartiremo da lì. Ma è sicuramente un’iniezione di fiducia, dal punto di vista del trovarsi in quella situazione, che la Dragon possa allontanarci velocemente dal booster”.  Invece di usare uno dei soliti astrovan, Hurley e Behnken sono arrivati dalla zona dell’equipaggio del Kennedy Space Center alla piattaforma di lancio a bordo di una Tesla Model X bianca: le loro eleganti tute spaziali bianche e nere si abbinavano all’auto sportiva elettrica con portiere ad ala. Musk, che guida anche Tesla, ha utilizzato le sue auto per muoversi nel centro spaziale ieri. Un’altra Tesla Model X bianca, infatti, ha portato lo staff di supporto di SpaceX. Un portavoce di SpaceX ha confermato che l’equipaggio sarà trasportato in questo modo per le missioni da ora in poi. Boeing, invece, rimane fedele al look vintage, pianificando di utilizzare un nuovo Airstream van simile agli astrovan utilizzati per decenni dalla NASA. 2 anni fa, Musk ha lanciato la sua Tesla Roadster rossa nel volo di debutto del razzo Heavy Rocket di SpaceX con al volante un manichino in tuta spaziale, chiamato Starman. L’auto è stata messa in un’orbita che si estendeva oltre Marte.

SpaceX Crew Dragon
Credit: SpaceX

Rimandato di un giorno a causa del maltempo, il lancio di ieri ha interessato centinaia di dipendenti di SpaceX, NASA e dell’Air Force a terra, in mare e in aria. Anche turisti e residenti locali hanno affollato l’adiacente complesso dei visitatori e le spiagge vicine per vedere lo spettacolo di un razzo fuori controllo. Musk ha portato anche la sua famiglia.

Crew Dragon SpaceXLa NASA ha ingaggiato SpaceX e Boeing un anno fa per trasportare gli astronauti da e sulla Stazione Spaziale Internazionale per miliardi di dollari. Entrambe le compagnie hanno dovuto fare i conti con problemi tecnici, aggiungendo anni di ritardo e costringendo la NASA a sborsare centinaia di milioni di dollari extra per le corse su razzi russi. Dopo molteplici consegne di carico per la NASA, SpaceX ha fatto volare con successo una capsula per equipaggio verso la ISS lo scorso marzo, senza che ci fosse nessuno a bordo, ma è esplosa un mese dopo durante test a terra. I propulsori di emergenza, del tipo di quelli utilizzati nel test di ieri, hanno dovuto essere risistemati. In tutto, SpaceX ha testato questi potenti propulsori circa 700 volte.

Le navicelle Crew Dragon di SpaceX e Cst-100 Starliner di Boeing
Le navicelle Crew Dragon di SpaceX e Cst-100 Starliner di Boeing

Lo scorso mese, nel frattempo, la capsula per equipaggio Starliner di Boeing è finita nell’orbita sbagliata nel suo primo test di volo e ha mancato la ISS. Il mese prima, solo due dei 3 paracadute di Starliner si sono aperti durante un test di sicurezza. Lueders ha detto che è troppo presto per sapere se Boeing avrà bisogno di inviare un’altra Starliner alla ISS senza equipaggio o potrà passare direttamente al lancio di astronauti il prossimo anno. L’importanza della fuga di sicurezza è stata dimostrata nel 2017, quando due astronauti, un americano e un russo, sono stati portati in sicurezza dopo il fallimento di un lancio dal Kazakhistan. Hanno sperimentato una forza di gravità fino a 7 volte superiore, ma sono riusciti a sopravvivere all’incidente.

Il sistema di SpaceX, ha spiegato Musk, dovrebbe essere più gentile per l’equipaggio. Musk ha aggiunto che il sistema di sicurezza della Dragon dovrebbe funzionare, in linea di principio, anche se la capsula è ancora collegata quando il razzo esplode in una palla di fuoco. Ha spiegato che potrebbe sembrare “qualcosa da Star Wars” con la capsula che vola via da una palla di fuoco, per poi aggiungere subito: “Ovviamente vogliamo evitare questo”, considerato tutto il personale della NASA intorno a lui.

Il razzo Falcon 9 esplode in una palla di fuoco, il test di sicurezza di Crew Dragon [VIDEO]