Coronavirus, Burioni: “Cambia tutto e non cambia niente, le prossime 2 settimane cruciali”

Nuovo coronavirus, Burioni: "Le prossime due settimane saranno cruciali. Capiremo se ci saranno stati altri contagi"

MeteoWeb

Cambia tutto e non cambia niente. Però entro due settimane sapremo quanto è stata efficace la nostra organizzazione volta a impedire i contagi“: lo spiega il virologo Roberto Burioni sul portale Medical Facts, magazine online di informazione scientifica e debunking delle fake news, dove traccia alcuni scenari possibili dopo la conferma dei primi due casi di nuovo coronavirus in Italia.

Cambia tutto, perché il virus c’è. Le prossime due settimane saranno cruciali. Capiremo se ci saranno stati altri contagi. Ci potrebbero essere, come successo in Francia e in Germania, ma è proprio l’esempio di questi due Paesi e di come i nuovi casi si contino sulle dita di una mano – rileva l’esperto – a non doverci far cadere nel panico“. “Allo stesso tempo, però, non cambia niente. La partita principale, quella che sta davvero decidendo le sorti di quest’epidemia si sta giocando in Cina. Se si riuscirà a controllarla lì, allora ecco che i casi al di fuori del Paese del Dragone continueranno a essere limitati. Se invece questo non succederà e l’epidemia raggiungerà altri Paesi con sistemi sanitari non particolarmente efficienti, allora ecco che la situazione potrebbe precipitare. E’ proprio questo a non doverci fare allarmare più di tanto. Il nostro sistema sanitario ha la capacità, con la sua capillare rete a vari livelli, di far fronte a casi sporadici che potranno comunque presentarsi nei prossimi giorni“.