Filippine, isola di Luzon sotto la cenere del vulcano Taal: “è come un’apocalittica nevicata grigia, e peggiora”, 450 mila evacuati. Allarme tsunami – FOTO e VIDEO SHOCK

Filippine, allarme massimo per l'eruzione del vulcano Taal: allarme tsunami, mezzo milione di evacuati. Intanto la cenere sta seppellendo tutto: foto e video impressionanti

  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
/

Le immagini che arrivano dalle Filippine nel giorno dopo la violentissima esplosione del vulcano Taal sono davvero impressionanti: gran parte dell’isola di Luzon è letteralmente seppellita da un abbondante strato di cenere. Tagaytay, Talisay, Lipa City e molti altri centri registrano disagi enormi per la cenere che rischia di sterminare migliaia di animali ustionati e destinati a sofferenze atroci fino alla morte, inevitabile, nel giro di qualche settimana. La violenta eruzione di ieri ha spinto un pennacchio altissimo di cenere e lapilli fino a 15 chilometri di altitudine nell’atmosfera. La violenza dell’eruzione è stata tale da provocare fulmini vulcanici e scosse sismiche.

Intanto si teme una “eruzione esplosiva” nei prossimi giorni: le autorità hanno chiuso l’aeroporto di Manila “fino a nuovo ordine“. I sismologi hanno rilevato nelle ultime ore che il magma si sta spostando verso il cratere del Taal, uno dei vulcani più attivi del paese situato a 65 chilometri a sud della capitale. Ciò aumenta le possibilità di un’eruzione che potrebbe accadere in qualunqhe momento, ha spiegato Renato Solidum, capo dell’Istituto filippino di vulcanologia e sismologia. Anche domani, Martedì 14 Gennaio, tutte le scuole e gli uffici rimarranno chiusi.

Le autorità hanno quindi emesso un ordine di “evacuazione totale” che interessa quasi mezzo milione di persone, esattamente 450 mila, che abitano nella zona di maggiore rischio, cioè nel raggio di 14 chilometri attorno al vulcano che dista solo 66 chilometri da Manila. La capitale è in allerta da ieri da quando il vulcano ha iniziato ha emettere cenere e vapore. La cenere, infatti, sta raggiungendo la capitale dove cominciando a scarseggiare nei negozi le mascherine che i residenti sono invitati ad indossare. Le autorità federali stanno organizzando le operazioni di evacuazione, con la partecipazione di uomini e mezzi delle forze armate, secondo quanto dichiarato dal ministero alla Difesa che ha esortato i residenti a lasciare le aree a rischi. Anche organizzazioni internazionali come la Croce Rossa stanno fornendo assistenza.

Il vulcano si trova in mezzo a un lago e le autorità hanno avvertito di un possibile “tsunami vulcanico“, che può essere scatenato dalla caduta di macerie in acqua a seguito di un’eruzione, il che spinge l’acqua generando onde.

Eruzione vulcano Taal, le drammatiche immagini di Talisay sommersa dalla cenere [VIDEO]

Eruzione vulcano Taal, campagne seppellite dalla cenere: le drammatiche condizioni di un cavallo [VIDEO]

Eruzione Vulcano Taal, le impressionanti immagini dell’esplosione vista dalla webcam del cratere principale [VIDEO]

Eruzione vulcano Taal, la nube piroclastica ricopre tutta l’isola di Luzon: le immagini radar [VIDEO]

L’eruzione del vulcano Taal vista dallo Spazio: esplosione violentissima [VIDEO]

Il Taal e’ uno dei vulcani attivi di minori dimensioni al mondo, e si trova al centro di un lago circa 70 chilometri a sud di Manila; e’ eruttato piu’ di 30 volte negli ultimi cinque secoli, l’ultima volta nel 1977. Nel 1911 un’eruzione del vulcano ha ucciso 1.500 persone, e nel 1.754 un’altra eruzione e’ proseguita per mesi: secondo le autorita’ filippine, una riproposizione di tale eruzione a lungo termine è “il peggiore scenario possibile“.