Filippine, ananas grigi dopo l’eruzione del vulcano Taal: effetti disastrosi sull’agricoltura [FOTO]

Uno spesso strato di cenere ricopre ampie zone dell’isola di Luzon, trasformandole in località fantasma: si stimano danni alle colture per oltre 11 milioni di dollari

  • Credit: Reuters
    Credit: Reuters
  • Credit: Reuters
    Credit: Reuters
/
MeteoWeb

L’improvvisa esplosione del vulcano Taal del 12 gennaio ha lasciato scene di devastazione sull’isola di Luzon, la più grande dell’arcipelago delle Filippine. Uno spesso strato di cenere ricopre ampie zone dell’isola, trasformandole in località fantasma. E così un verdeggiante campo di ananas è diventato una distesa grigia e scura (vedi foto della gallery scorrevole in alto, a corredo dell’articolo).

L’agricoltore Jack Imperial ha detto che le possibilità di salvare i suoi prodotti nel campo da un ettaro sono poche e in ogni caso, non c’è nessuno a cui venderli, poiché i turisti evitano l’area di Tagayatay nell’isola di Luzon. “Dobbiamo solo accettare che subiremo una perdita. Anche se riuscissimo a raccogliere alcuni ananas, se i clienti hanno paura di venire a causa dell’eruzione, gli ananas finirebbero solo per marcire”, ha detto Imperial, che non ha mai visto una scena simile in 17 anni di lavoro nel settore agricolo.

L’impatto dell’eruzione sull’economia nazionale da 330 miliardi di dollari è stato contenuto, nonostante i voli cancellati e un giorno di lavoro perso a causa della pesante ricaduta di cenere sulla capitale Manila, distante circa 70km. Ma per alcuni agricoltori delle zone vicine che coltivano ananas, banane e caffè, è stato un disastro. Imperial teme che la cenere molto calda abbia danneggiato le sue coltivazioni, rendendole non commestibili. L’uomo vende i suoi ananas a fette, pezzi o sotto forma di succhi in una piccola bancarella frequentata dai turisti. Ma proprio i turisti sono spariti a causa dell’eruzione e decine di migliaia di persone sono state evacuate dalla zona di pericolo intorno al Taal. La ricaduta della cenere vulcanica finora ha causato danni stimati in oltre 11 milioni di dollari alle colture, secondo le autorità agricole.

Eruzione del vulcano Taal: 2 morti e 82mila sfollati nelle Filippine [FOTO]

Oltre alla pesca, i residenti dell’isola di Luzon, dove si trova il vulcano Taal, si guadagnano da vivere allevando il bestiame e offrendo corse a cavallo ai turisti che vogliono risalire il cratere del Taal. Ecco perché la Metropolitan Manila Development Authority, volontari del settore privato e alcuni residenti hanno visitato l’area nella speranza di trovare dei sopravvissuti due giorni dopo l’eruzione.

Filippine, segni di vita nella devastazione provocata dall’eruzione del vulcano Taal: salvati alcuni animali dall’isola di Luzon [FOTO]

Il livello di allerta per il vulcano rimane di 4 su una scala di 5, che indica che un’eruzione esplosiva potrebbe verificarsi nelle prossime ore o nei prossimi giorni. Taal ha eruttato più di 30 volte negli ultimi 500 anni: l’eruzione più mortale ha ucciso più di 1.300 persone nel 1991. Un’eruzione nel 1754 è durata per mesi, mentre il vulcano ha eruttato per l’ultima volta nel 1977. Le Filippine si trovano sull’Anello di Fuco del Pacifico, una fascia di vulcani che circonda l’Oceano Pacifico che è anche incline ai terremoti.