Il Sole come non l’abbiamo mai visto: le più dettagliate immagini di sempre con un primo piano pazzesco. Grandi novità per il meteo spaziale [FOTO e VIDEO]

L'Inouye Solar Telescope è il telescopio più grande del mondo dedicato al sole e ha prodotto le sue prime, spettacolari immagini: aiuterà a studiare il meteo spaziale e a prevedere meglio le tempeste solari

  • Credit: NSO/AURA/NSF
    Credit: NSO/AURA/NSF
  • Credit: NSO/NSF/AURA
    Credit: NSO/NSF/AURA
  • Credit: NSO/NSF/AURA
    Credit: NSO/NSF/AURA
  • L'Inouye Solar Telescope. Credit: NSO/AURA
    L'Inouye Solar Telescope. Credit: NSO/AURA
/
MeteoWeb

Gli astronomi hanno appena rilasciato le immagini più dettagliate mai scattate della superficie del nostro sole. Il nuovissimo Daniel K. Inouye Solar Telescope della National Science Foundation (NSF) è costruito in cima all’Haleakala, un antico vulcano sacro per gli abitanti delle Hawaii. Haleakala significa “casa del sole”: quale posto migliore per costruire il telescopio più grande del mondo dedicato al sole? Visto attraverso questo telescopio da 4 metri, il sole sembra una ciotola di popcorn o anche una distesa di pepite d’oro, a dispetto dell’immaginario comune che lo dipinge come un globo giallo. Il telescopio terrestre lavorerà con la Parker Solar Probe della NASA, che sta orbitando il sole, e il prossimo Solar Orbiter della NASA/ESA (Agenzia Spaziale Europea) per aiutarci ad apprendere nuove cose sul sole e su come il meteo spaziale che esso crea potrebbe influenzare la Terra.

Da quando la NSF ha iniziato a lavorare su questo telescopio terrestre, abbiamo atteso con impazienza le prime immagini. Ora possiamo condividere queste foto e questi video, che sono i più dettagliati del nostro sole finora. L’Inouye Solar Telescope della NFS sarà in grado di mappare i campi magnetici all’interno della corona del sole, dove si verificano le eruzioni solari che possono influenzare la vita sulla Terra. Questo telescopio migliorerà la nostra comprensione di cosa guida il meteo spaziale e infine aiuterà i meteorologi a prevedere meglio le tempeste solari”, ha detto France Córdova, direttore di NSF. “È letteralmente il salto più grande nella capacità dell’umanità di studiare il sole da terra dall’epoca di Galileo”, dichiara l’astronomo Jeff Kuhn del M?noa’s Institute for Astronomy dell’Università delle Hawaii.

Le prime immagini dell’Inouye Solar Telescope mostrano una vista ravvicinata della superficie del sole. Le immagini indicano un modello di plasma turbolento, che sembra quasi ribollire, che copre l’intero sole. Le strutture, simili a celle ma grandi quanto il Texas (fino a 1.600km) sono la traccia dei violenti moti che trasportano il calore dall’interno del sole alla sua superficie. Questo plasma solare caldo sale nei luminosi centri delle celle, si raffredda e poi affonda sotto la superficie nelle linee scure che separano le celle stelle, in un processo noto come convezione (vedi foto della gallery scorrevole in alto e video in fondo all’articolo). Di particolare interesse per gli scienziati sono i campi magnetici, distorti e aggrovigliati dal plasma, che possono determinare potenti tempeste solari in grado di mettere fuori uso (sebbene molto raramente) le reti elettriche sulla Terra. Anche le tempeste solari meno potenti possono colpire i sistemi di comunicazione e navigazione e generare splendide aurore, ma la nostra comprensione e la nostra abilità di prevedere il meteo spaziale è estremamente limitata.

Questo è esattamente quello che gli scienziati sperano che l’Inouye Solar Telescope possa aiutare a migliorare. “Sulla Terra, possiamo prevedere se pioverà ovunque nel mondo con molta precisione e il meteo spaziale non ci è ancora arrivato. Le nostre previsioni restano indietro al meteo terrestre di 50 anni, se non di più. Quello di cui abbiamo bisogno è comprendere la fisica dietro il meteo spaziale e questo inizia dal sole, che è ciò che l’Inouye Solar Telescope studierà nei prossimi decenni”, ha detto Matt Mountain della Association of Universities for Research in Astronomy, che gestisce l’Inouye Solar Telescope.

Con il suo insieme di strumenti all’avanguardia, il telescopio sarà in grado di misurare e caratterizzare questi campi magnetici meglio di quanto sia mai stato fatto prima. Queste misurazioni potrebbero darci un’allerta molto più avanzata per le tempeste solari (attualmente, ne veniamo a conoscenza con circa 48 minuti di anticipo). Gli scienziati sperano che, migliorando la comprensione di come si comportano i campi magnetici sulla piccola scala che porta verso una tempesta solare, possa aumentare questo tempo fino a 48 ore. Questo permetterà di avere più tempo per mettere in sicurezza le reti elettriche, le infrastrutture fondamentali e i satelliti dagli inevitabili eventi futuri di meteo spaziale.

Si tratta solo del campo magnetico. Per svelare i più grandi misteri del sole, non dobbiamo solo essere in grado di vedere chiaramente queste minuscole strutture da 150 milioni di kilometri di distanza, ma anche misurare con molta precisione la forza del loro campo magnetico e la direzione vicino alla superficie e tracciare come si estende il campo nella corona, l’atmosfera esterna del sole”, ha spiegato Thomas Rimmele, direttore dell’Inouye Solar Telescope.

Nei prossimi mesi, ulteriori strumenti rafforzeranno la già massiccia potenza del telescopio. Il Cryogenic Near-Infrared Spectropolarimeter è progettato per misurare il campo magnetico del sole oltre il disco solare, nella corona. Il Diffraction-Limited Near-IR Spectropolarimeter studierà i campi magnetici e la loro polarizzazione con un’alta risoluzione spettrale e spaziale. “Queste prime immagini sono solo l’inizio. L’Inouye Solar Telescope raccoglierà più informazioni sul nostro sole durante i primi 5 anni della sua vita rispetto a tutti i dati solari raccolti da quando Galileo ha puntato un telescopio verso il sole nel 1612”, ha detto l’astronomo David Boboltz della divisione di scienze astronomiche della National Science Foundation.

È un periodo emozionante per essere un fisico solare. L’Inouye Solar Telescope fornirà un telerilevamento degli strati esterni del sole e dei processi magnetici che si verificano al loro interno. Questi processi si propagano nel sistema solare, dove le missioni Parker Solar Probe e Solar Orbiter misureranno le loro conseguenze. Insieme, costituiscono un’impresa davvero multi-messaggera per comprende come le stelle e i loro pianeti sono magneticamente collegati”, conclude Valentin Pillet, direttore del National Solar Observatory della NSF.

(Video credit: NSO/AURA/NSF)

Le prime spettacolari immagini animate della superficie del sole grazie all’Inouye Solar Telescope [VIDEO]

Il turbolento plasma sulla superficie del sole nelle immagini più dettagliate finora [VIDEO]