L’Italia non è un paese per badanti (giovani): boom di over 65, spesso quasi coetanee degli assistiti

L'Italia non è un paese per giovani. Per badanti giovani. Queste ultime, infatti, insieme ai propri assistiti, iniziano mediamente ad invecchiare

MeteoWeb

L’Italia non è un paese per giovani. Per badanti giovani. Queste ultime, infatti, insieme ai propri assistiti, iniziano mediamente ad invecchiare: nella sola Bologna 1.929 colf hanno più di 65 anni. Sul dato discutono Acli di Bologna con il report ‘Mondo colf 2019′, perche’ presto chi aiuta andra’ aiutato, le stesse assistenti degli anziani avranno bisogno di un welfare. “L’eta’ media delle badanti si e’ molto alzata – dice Filippo Diaco, presidente del patronato che a Bologna contrattualizza quasi 3.000 colf su un totale di 11.000 in tutta la metropoli – 10 anni fa avevano dai 40 ai 55 anni, oggi dai 55 ai 70 anni”. Tra i contratti di quest’anno ci sono anche 70enni che assistono 80enni. Per le Acli, questo implica “notevoli conseguenze sul panorama del welfare locale, perche’ sempre piu’ spesso gli assistenti domiciliari svolgono pratiche di welfare per loro stessi al patronato, dall’invalidita’ civile alla pensione“. Pensione riservata poi soltanto alle piu’ fortunate: “Molte di loro non hanno contributi sufficienti e questo avra’ ricadute pesanti sul loro benessere, appena non saranno piu’ in grado di lavorare“, avvisa Diaco. La maggior parte di colf e badanti (Acli conta 2.932 contratti attivi) “ha famiglia nel Paese di origine, sono nonne e mandano quasi tutto il guadagno alla famiglia”. Persone che in Italia “non matureranno mai il diritto alla pensione”. In particolare, se oggi la fascia d’eta’ prevalente delle colf assunte (dati 2019: 2.753 donne e 179 uomini) e’ tra i 50-65 anni, nel 2009 prevalevano i 25-45 anni. “Anche loro presto avranno bisogno di assistenza e welfare, dalle invalidita’ civili alla pensione“, continua Diaco che chiede quindi ai candidati alle regionali di impegnarsi a concretizzare un contributo economico a sostegno delle famiglie che assumono una badante (ad oggi ci sono solo sgravi fiscali).