Morte Kobe Bryant: una discesa improvvisa e terrificante di 366 metri, “impatto molto forte”

L'elicottero su cui viaggiava Kobe Bryant era intatto quando è precipitato, ma l'impatto con il suolo ha sparso detriti per oltre 150 metri

  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
  • AP/LaPresse
    AP/LaPresse
/
MeteoWeb

Dalle prime indagini degli esperti federali è emerso che l’elicottero che trasportava Kobe Bryant e la figlia Gianna Maria non era dotato di un sistema di allarme raccomandato per avvisare il pilota che era troppo vicino al terreno: non è chiaro però se la dotazione avrebbe evitato l’incidente che ha ucciso in totale 9 persone.
Il pilota è salito oltre le nubi con l’elicottero prima di iniziare una discesa improvvisa e terrificante di 366 metri che è durata quasi un minuto.
Si è trattato di una discesa piuttosto ripida ad alta velocità. Sappiamo che si è trattato di un incidente con impatto molto forte“, ha spiegato Jennifer Homendy del National Transportation Safety Board.
L’elicottero era intatto quando è precipitato, ma l’impatto con il suolo ha sparso detriti per oltre 150 metri.