Previsioni meteo verso il weekend: più nubi e qualche pioggia su alcune aree. Calo termico, farà ancora più freddo [MAPPE]

Previsioni Meteo in vista del weekend: parziale crisi dell'alta pressione verso il fine settimana per infiltrazioni umide e blanda circolazione instabile sui mari meridionali. I dettagli sulle aree interessate da locali piogge

MeteoWeb

Previsioni Meteo – Qualche movimento di aria in più si avrà nel corso dei prossimi giorni e del weekend. Niente di particolarmente importante, pur tuttavia andranno realizzandosi delle infiltrazioni di aria umida atlantica, in un contesto barico sempre dominato dall’alta pressione. Piccole gocce instabili in quota che solcheranno il promontorio anticiclonico andando ad attivare una blanda circolazione depressionaria fra il Nord Africa e il Mediterraneo meridionale. Tale modesta attività ciclonica sarà responsabile a più riprese di un aumento della nuvolosità e anche di locali piogge su alcune nostre regioni. Si tratterà di una instabilità localizzata, non duratura, ma su alcune aree abbastanza significativa e che si esplicherà in due fasi.

Una prima fase, contemplerà l’azione di un moderato nucleo di vorticità positive che riuscirà a staccarsi dal ramo secondario del getto subpolare in rapido passaggio sul Nord Europa e, attraverso la Francia, riuscirà a penetrare sul Mediterraneo occidentale, poi verso il Nord Africa. Su questi settori attiverà una moderata azione depressionaria la quale farà aumentare le nubi sui canali delle isole maggiori, soprattutto sulla Sardegna orientale e poi attiverà correnti umide anche verso il Golfo Ligure. Sul resto delle regioni italiane si sentirà poco l’influenza di questa azione instabile anzi, proprio la sua presenza in prossimità dell’Algeria, attiverà correnti meridionali più secche in grado di portare stabilità sul resto del territorio.

Dicevamo, però, di questa azione instabile nordafricana che porterà una fase con tempo un po’ più uggioso sul Centro Est della Sardegna soprattutto tra Cagliaritano e Ogliastra, e nubi più intense verso l’alto Tirreno.

Le correnti instabili che si dirigeranno verso il Golfo ligure, Avranno modo, attraversando un maggiore tratto di mare, di caricarsi oltremodo di umidità al punto da poter determinare precipitazioni più cospicue proprio sulla Liguria centro-orientale. Su quest’area, infatti, sono attese tra la notte prossima e l’intera giornata di domani, venerdì 10 gennaio, la piogge più intense e magari anche più continue con accumulo complessivo entro la mezzanotte di domani anche fino a 15 mm su alcune aree tra Genovese e Spezzino. Sul resto dei settori liguri centro-orientali, sul Sudest Piemonte anche sul Sudovest Lombardia, Sull’ovest Emilia e verso il Nord della Toscana, sono attese piogge mediamente più deboli, nella misura di 1/2 fino a 5/6 mm. Locali addensamenti riguarderanno anche la Sardegna sudorientale, ma anche qui con piogge fiacche, al più qualche millimetro localmente. Continuerà il bel tempo asciutto e ampiamente soleggiato sul resto del Paese, ma addensamenti con locali rovesci, localmente anche moderati, interesseranno i settori tirrenici centro-meridionali a largo della Sardegna, in corrispondenza della simbologia piogge nella seconda immagine.

Una seconda fase instabile, si realizzerà tra il pomeriggio sera di sabato, l’intera giornata di domenica e ancora localmente strascichi nel corso di lunedì mattina. Essa sarà determinata, come visibile nella terza immagine indicante la situazione barica nel corso del fine settimana, sempre dalla moderata circolazione depressionaria nordafricana che, però, nel frattempo, andrà allargandosi fino ad inglobare la Tunisia, anche parte del Mar Libico e con espansioni moderatamente cicloniche fino ai nostri mari meridionali, in particolare verso lo Jonio. Un’azione, quindi, più settentrionale della circolazione instabile nordafricana tale da richiamare correnti un po’ più fresche orientali verso il nostro Sud peninsulare e verso il medio Adriatico. Queste correnti porteranno un temporaneo e ulteriore calo termico soprattutto sulle regioni Meridionali e nel contempo attiveranno anche una maggiore instabilità su alcune di queste aree.

Come visibile nell’ultima immagine pioggia, relativa a sabato pomeriggio-sera, alla giornata di domenica e fino a lunedì mattino, maggiori disturbi instabili riguarderanno dapprima la Sardegna, poi localmente il medio Adriatico e, in forma maggiore, gli estremi settori Meridionali ionici. Più nubi e piogge sono attese nella notte su sabato, poi per l’intero corso di sabato e fino a domenica mattina, sulla Sardegna meridionale e orientale, soprattutto su Cagliaritano e Ogliastra, con accumuli non proprio trascurabili, fino a 10 mm sul cagliaritano Meridionale e orientale. Altri rovesci moderati sul tratto di mare Tirreno a largo della Sardegna. Addensamenti tra sabato pomeriggio e domenica mattina riguarderanno anche il medio Adriatico con locali piogge, qui però mediamente deboli, in particolare sulle coste tra Marche e Abruzzo e qualche altra sul Gargano. Dal pomeriggio di sabato, ma ancor più nella notte e poi verso domenica mattina, altri addensamenti con locali piogge e rovesci tra il Sud della Puglia, i settori ionici calabresi, specie settentrionali e meridionali, e anche sull’est della Sicilia. Anche su questi settori meridionali si tratta di piogge mediamente deboli, tuttavia localmente moderate sull’estremo Sud della Puglia, punta del Salento, anche qui fino a 10 mm localmente e 5/7 mm  sul Nord Crotonese. Continua un tempo stabile e ampiamente soleggiato sul resto del Paese, salvo le consuete nebbie diffuse sulla Pianura Padana, e sempre freddo un po’ ovunque di notte al mattino con gelate estese. Più freddo anche di giorno sulle regioni centro-meridionali, specie adriatiche e appenniniche, per l’arrivo di correnti continentali.