Biohax: al via pagamenti tramite microchip con check-out della mano

Pagare una qualsiasi somma di denaro tramite microchip: il servizio è già disponibile in Paesi come la Svezia e gli Stati Uniti, mentre in Italia e in Giappone l'azienda sta lavorando

In un contesto di crescita delle nuove forme di pagamento digitale, Biohax, startup fondata dallo svedese Jowan Osterlund nel 2013, vuole rendere possibile pagare una qualsiasi somma di denaro tramite microchip usando la propria mano (Biohacking). L’iniziativa è stata presentata al Bto2020. Sarà possibile pagare un caffè o il biglietto del treno senza contanti o carte grazie al servizio offerto da Biohax, tramite accordi con provider esterni.

Il servizio è già disponibile in Paesi come la Svezia e gli Stati Uniti, mentre in Italia e in Giappone l’azienda sta lavorando per creare accordi che permetteranno di arrivare presto al pagamento tramite chip. “Ma non ci fermiamo al pagamento con il semplice denaro, infatti già ora possiamo offrirci come wallet digitale per le cryptovalute, abbracciando così il mondo dei pagamenti e del denaro a 360 gradi. Il tutto verrà fatto usufruendo della tecnologia nfc (near field communication)“, dichiara Eric Larsen, executive chairman di Biohax Italia.

Aggiunge Gianluca Zanframundo, business developer Biohax Italia: “Abbiamo sviluppato una app per associare le carte di credito e ogni altra carta dotata di questo tipo di tecnologia al chip e rendere possibile da lì in poi lo spostamento dei dati all’interno della mano e il pagamento tramite la stessa”. “In questo periodo – sottolinea – stiamo lavorando, a contatto con un istituto di ricerca in UK e alcuni PhD anche per implementare la parte Blockchain per la data security, altro grosso obiettivo di Biohax è proprio questo, ridare letteralmente nella mano delle persone il controllo dei propri dati, a dispetto di quanto avviene ora dopo i pagamenti con carte o cellulari, i quali disperdono i nostri dati rendendoli ”attaccabili” da istituti finanziari, agenzie di marketing, ecc”. Il sistema di base Biohax si basa su Hedera e la società presenterà il suo prodotto, il chip Expo2020, in occasione del Dubai Expo2020 (ottobre 2020-aprile 2021).