Coronavirus, in Iran il bilancio ufficiale si aggrava: 43 morti e 593 contagiati: “pronti decine di migliaia di test”

Coronavirus, il nuovo bilancio ufficiale fornito dal governo dell'Iran

MeteoWeb

Un portavoce del ministero della Salute dell’Iran ha detto che la Repubblica islamica si sta preparando per la possibilità di fare “decine di migliaia” di test per il coronavirus. Il portavoce lo ha detto oggi, durante una conferenza stampa durante la quale ha detto che il virus ha ucciso nel Paese 43 persone tra i 593 contagiati. Il portavoce, Kianoush Jahanpour, ha smentito quanto sostenuto dalla Bbc in farsi, secondo cui i morti nella repubblica islamica sarebbero almeno 4 volte superiori a quanto dichiarato a livello ufficiale.

Bruciano una clinica a Bandar Abbas: pensavano che dentro ci fossero pazienti positivi al Coronavirus

La psicosi per il Coronavirus cresce in Iran. Un gruppo di persone ha dato alle fiamme una clinica nella cittadina di Bandar Abbas, nella provincia meridionale di Hormuzgan, perche’ credeva che i pazienti affetti da Covid-19 provenienti da Qom, l’epicentro del virus in Iran, fossero stati messi in quarantena in quella struttura. Lo riferisce FarsNews spiegando che le fiamme sono state subito domate e che non ci sono vittime. Un funzionario della Hormuzgan Medical Sciences University sostiene che si e’ trattato di “indiscrezioni infondate” che comunque hanno provocato la rabbia degli abitanti. Il numero di persone con problemi respiratori a Bandar Abbas ha raggiunto 188 e i sospettati di infezione da coronavirus sono 52. Anche la popolazione di Shaft, nella provincia settentrionale di Guilan, ha recentemente protestato per il trasferimento delle persone infette in un ospedale centrale della citta’ per la quarantena.