Coronavirus: “Nessuna accelerazione drammatica nella traiettoria dell’epidemia”

Epidemia di Coronavirus: l'OMS non ha rilevato una curva troppo a picco verso l'alto in relazione alle vittime

L’aumento dei casi di polmonite virale causata dal coronavirus in Cina non presenterebbe un’accelerazione drammatica “nella traiettoria dell’epidemia” secondo Mike Ryan, capo del programma emergenze sanitarie dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, in base a quanto riportato oggi dalla BBC.
Con l’eccezione della nave da crociera Diamond Princess che si trova nel porto di Yokohama (il tasso di contagi è molto alto) l’OMS non ha rilevato una curva troppo a picco verso l’alto in relazione alle vittime.

Nel mondo il numero di morti accertati da coronavirus ha raggiunto quota 1.383, tutti in Cina tranne uno a Hong Kong, uno in Giappone e un altro nelle Filippine. I contagiati sono oltre 64mila.

  • Di seguito il numero dei contagi e delle vittime, diviso per paesi e aree geografiche:
    Cina “continentale”: 53.851 contagi (1.383 morti)
  • Giappone: 251 contagi (un morto)
  • Singapore: 58 contagi
  • Hong Kong: 53 contagi (un morto)
  • Thailandia: 33 contagi
  • Corea del Sud: 28 contagi
  • Malaysia: 19 contagi
  • Taiwan: 18 contagi
  • Germania: 16 contagi
  • Vietnam: 16 contagi
  • Australia: 15 contagi
  • Stati uniti: 15 contagi
  • Francia: 11 contagi
  • Macao: 10 contagi
  • Regno unito: 9 contagi
  • Emirati arabi uniti: 8 contagi
  • Canada: 7 contagi
  • Filippine: 3 contagi (1 morto)
  • India: 3 contagi
  • Italia: 3 contagi
  • Russia: 2 contagi
  • Spagna: 2 contagi
  • Belgio: 1 contagio
  • Cambogia: 1 contagio
  • Finlandia: 1 contagio
  • Nepal: 1 contagio
  • Sri Lanka: 1 contagio
  • Svezia: 1 contagio