Previsioni Meteo, il picco dell’Anticiclone tra il weekend e Lunedì 24

Previsioni Meteo: tra domani e lunedì, la fase più calda portata dalla possente alta pressione, fino a +14°C di anomalia. Qualche disturbo per nubi basse. I dettagli

MeteoWeb

Previsioni Meteo – Si è piazzata sul Mediterraneo l’alta pressione  ampiamente annunciata e puntualmente arrivata. Sarebbe, naturalmente, più corretto scrivere è tornata in auge l’alta pressione, poiché si è appena defilata per qualche giorno, in seguito ad uno sbuffo subpolare che ha portato un po’ di movimento d’aria, un calo termico e qualche precipitazione nei giorni scorsi, ma azione instabile del tutto passeggera, stante  il flusso zonale a componente anticiclonica pronto a ricucire lo strappo. Ferita rimarginata, ed ecco di nuovo sulle nostre teste una imponente struttura anticiclonica. Qualche dato caratterizzante: 1032 hpa in queste ore sul medio-alto Adriatico, sul Nord Italia, sul Nord della Sardegna; 1028/1030 hpa sulle regioni meridionali; valori geo-potenziali in quota tra i 572 e i 578 dam, ma fino a 585 dam sulla Sardegna nelle prossime ore. Circa la temperatura, soprattutto negli strati medio bassi dell’atmosfera, quelli più influenti lo stato termico anche al suolo, non ancora abbiamo  valori particolarmente significativi. Anzi, sulle regioni meridionali, si trascinano ancora isoterme abbastanza fredde legate all’impulso settentrionale dei giorni scorsi con valori, quindi, ancora un po’ sotto le medie; più o meno nelle medie sulle aree adriatiche, già sopra media di 2/4°C tra Sardegna, medio e alto Tirreno e soprattutto al Nordovest. Tra la giornata di domani è quella di lunedì, però, alla quota intorno ai 1.500 m, si compirà una significativa impennata della colonnina di mercurio.

Come mostra l’immagine termica allegata, i valori si porranno in eccesso e in maniera importante su gran parte dell’Italia. Si andrà dai +6/+8°C della Puglia centro-meridionale e delle coste del basso Tirreno, fino ai +10/+12°  sopra la media diffusi un po’ ovunque; punte estreme di più 13°C sull’Emilia-Romagna e sul Nordest della Sardegna, fino ai più +14°C del basso Piemonte e del Ponente Ligure. Con buona probabilità questo eccesso termico si avvertirà più alle quote di montagna, dove effettivamente quei valori potranno essere reali intorno ai 1.500 m, forse un po’ meno alle basse quote. Anche in pianura e alle quote più basse ci sarà comunque un significativo aumento termico  con clima primaverile, ma magari non si toccheranno accessi particolari per via dei bassi strati più raffreddati, in questi giorni precedenti l’ondata e, pertanto, meno permeabili dalle isoterme calde. Riteniamo, tuttavia, che possono toccarsi diversi valori intorno ai 22/24°,  soprattutto alle basse quote della Sardegna orientale e localmente su qualche pianura del Nord.

Infine, un rilievo va dato anche a qualche possibile fastidio legato a umidità basse, via via  più presenti soprattutto tra domani e lunedì. Malgrado la circolazione anticiclonica, le correnti orarie provenienti da Ovest e sorvolanti il nostro bacino, acquisteranno umidità e condenseranno, nell’impatto con la terraferma, sotto forma di nubi basse soprattutto sulle aree tirreniche un po’ tutte, entro lunedì 24, e anche su alcuni settori del Nordest, specie tra Centro Nord Veneto e Friuli Venezia Giulia. Per il mattino di Lunedì 24, diverse regioni potranno vedere cieli più uggiosi, spesso irregolarmente nuvolosi o  anche nuvolosi, in qualche caso coperti, segnatamente le aree circoscritte dalla colorazione arancione nella seconda immagine. Occasionalmente potrà esserci anche qualche piovasco sulla Liguria, su Est Friuli VG e sulle aree interne campane. Questo aspetto delle nubi basse, costituisce l’altra faccia della medaglia tipica dell’anticiclone invernale mediterraneo. 

Previsioni Meteo, confermata intensa ondata di FREDDO e NEVE tra 26 e 27 Febbraio in tutt’Italia [MAPPE]