Previsioni Meteo, prossima settimana tra Primavera e Inverno: gli ultimi aggiornamenti

Previsioni Meteo, i dettagli per la prossima settimana: grandi sbalzi termici dagli oltre 25 gradi di lunedì e martedì al freddo con neve in collina dopo il 19-20

Ancora una  evoluzione intrigante, quella attesa nel corso della prossima settimana, per via di una staffetta piuttosto singolare tra una imponente alta pressione afro-mediterranea, che porterebbe giornate di clima stabile con temperature miti e, a ruota, un vortice freddo subpolare che potrebbe irrompere improvvisamente sul Mediterraneo centrale e sull’Italia e portare nubi, piogge o persino neve a quote collinari.  E’ lo scenario che da diversi giorni, ormai, stanno proponendo un po’ tutti i centri di calcolo e che rappresenterebbe un inizio di affronto più diretto e deciso da parte del fronte subpolare a quello subtropicale, padrone indiscusso, quest’ultimo, del tempo in questo anomalo inverno, perlomeno fino a questi giorni.

Ribadiamo che la circolazione generale, tenendo presente anche i dati provenienti dalle quote più alte atmosferiche, quindi dalla Stratosfera, non sarebbe ancora per azioni meridiane dichiarate e durature, insomma non sarebbe ancora per inverno alle nostre latitudini. Anzi, proprio dagli ultimi aggiornamenti, si prospettano ulteriori pulsazioni zonali in stratosfera quasi a voler perpetuare l’inarrestabile forza del Vortice Polare, specie alle medie e alte quote, forza che precluderebbe azioni interessanti o perlomeno durature in termini invernali. Tuttavia,  primi scossoni a questa inarrestabile circolazione occidentale, inizierebbero ad arrivare proprio dal basso, dalla Troposfera, in cui una progressiva maggiore radiazione solare, fisiologica per la fase stagionale che si avvia verso il declino, inizia a comportare disequilibri termici in grado di rompere l’asetto circolatorio consolidato in quest’inverno e creare delle alternative alla circolazione.

Uno degli aspetti di novità, già esaminato nei precedenti editoriali e derivante quasi certamente da una diversa distribuzione delle anomalie termiche sulle acque superficiali oceaniche, è una tendenza a spostamento delle vorticità positive sul Nord Atlantico dai settori islandesi e settentrionali del Regno Unito, verso il Mare del Nord e la Scandinavia. E’ questa  una chiara manovra che potrebbe comportare via via, nella seconda e ultima parte dell’inverno, ad azioni meridiane sempre più frequenti, magari ancora timide nel corso dei rimanenti giorni di febbraio, via via più decise in marzo.

Ma intanto, rileviamo la conferma da parte di tutti i centri di calcolo, di uno strappo subpolare che dovrebbe compiersi  sul finire della seconda decade e per l’inizio della terza di febbraio. Quindi, ancora una volta, come è già accaduto agli inizi del mese in corso, potrebbe esserci la possibilità, nel corso della settimana prossima, di vedere due stagioni,  la primavera (riferimento barico nella prima immagine) e l’inverno (riferimento barico seconda immagine), nel giro di pochi giorni. 

La redazione di meteoweb seguirà costantemente l’evoluzione rilevando, con quotidiani editoriali,  tutte le novità di volta in volta provenienti dai centri di calcolo mondiali.