Stasera naso all’insù: nel cielo splenderà la Superluna di Neve e sarà più grande del normale

La luna piena di stasera sarà ancor più particolare rispetto a molte altre che si verificano nel corso dell’anno, perché sarà la prima di una serie di superlune

Le lunghe notti del mese più breve dell’anno portano spesso freddo e neve in molte località dell’emisfero settentrionale, motivo dal quale dipende il nome del plenilunio di questo mese. Il plenilunio di ogni mese ha un nome diverso a seconda del momento dell’anno in cui si verifica. Spesso, le origini di questo nome risalgono a moltissimi anni fa fino agli indigeni americani o ai primi coloni americani che si stabilivano in Nord America.

Tradizionalmente, la luna che vediamo a febbraio è chiamata Luna di Neve a causa delle nevicate tipicamente pesanti di febbraio”, si legge sul sito web dell’Almanacco dell’Agricoltore. La Luna di Neve è il nome più comune utilizzato per il plenilunio di febbraio, ma altri includono Luna della Fame, Luna delle Ossa e Luna della Tempesta.

superluna di neveMa la luna piena di stasera sarà ancor più particolare rispetto a molte altre che si verificano nel corso dell’anno, perché sarà la prima di una serie di superlune. Una superluna è una luna piena che si verifica quando la luna è al perigeo, il punto della sua orbita in cui è più vicina alla Terra. Questo fa apparire la luna leggermente più grande del normale, sebbene la differenza possa essere difficile da rilevare ad un occhio non esperto. Quella di stasera sarà la prima di 4 superlune nel 2020, con le altre 3 che si verificheranno a marzo, aprile e maggio.

Il pianeta Mercurio ripreso dalla sonda MESSENGER della NASA. Crediti: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Carnegie Institution of Washington

La Superluna di Neve sorgerà nel cielo orientale, ma uscendo fuori di notte e guardando verso ovest sarà possibile osservare anche due vicini celesti della Terra. Venere è ben visibile nel cielo serale dalla fine del 2019, brillando più di tutti gli altri pianeti e delle altre stelle. E questo weekend non sarà un’eccezione con il pianeta che apparirà alto nel cielo occidentale dopo il tramonto, meteo permettendo ovviamente. Più in basso nell’orizzonte, potremmo avvistare Mercurio circa un’ora dopo il tramonto. Mercurio è tenue ed è spesso troppo vicino al sole per essere osservato. Tuttavia, nel corso del weekend, sarà abbastanza lontano dal sole per consentire l’osservazione, per la quale sono necessari un meteo tranquillo e una chiara vista del cielo occidentale.

Astronomia, gli eventi più importanti del mese di Febbraio: arriva la Superluna di Neve e un eccezionale allineamento celeste [INFO]