Coronavirus: in Italia “inevitabile la proroga delle misure”

Coronavirus, Locatelli: "Penso sia inevitabile prolungare queste misure, perché non siamo in una fase marcatamente declinante ma di contenimento importante"

MeteoWeb

Dovessimo decidere con i dati di oggi penso sia inevitabile prolungare queste misure, perché non siamo in una fase marcatamente declinante ma di contenimento importante. Questo è incoraggiante ma” non prolungare le misure di isolamento “sarebbe contraddittorio con i messaggi dati finora“: lo ha affermato il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, presentando un’analisi dell’andamento epidemiologico e gli aggiornamenti tecnico-scientifici relativi al Coronavirus all’Istituto superiore di sanità.

Noi dobbiamo come comitato tecnico scientifico ancorarci a dati e modelli previsionali solidi che confermino l’andamento delle curve e le evidenze che stiamo acquisendo“, ha sottolineato Silvio Brusaferro, presidente dell’ISS. “Oggi le misure adottate stanno ottenendo risultati, ed è la notizia buona. Ogni sera stresso tutti i nostri statistici e i matematici per sapere come sta andando. Una previsione è difficile, di sicuro dovremo conviverci per le prossime settimane. La questione è come dovremo conviverci, dovremo trovare modalità che proteggano le persone più fragili che pagano il dazio più alto, è un dovere morale proteggerli. E poi non dimentichiamoci che siamo il paese pilota, dovremo esplorare metodologie, stiamo acquisendo nozioni volta per volta. Finora anche altri Paesi ci hanno seguiti. Ma prima di questa nuova fase dobbiamo scollinare“.

Coronavirus, Brusaferro conferma: “Dal 19-20 marzo il numero dei nuovi casi è in calo, la curva sembra attenuarsi”