Coronavirus, in Italia aumentano i contagi e i morti: 488 casi positivi in Veneto, 3 decessi in Piemonte, nave in quarantena a Napoli

Gli aggiornamenti dalle regioni in riferimento ai casi di Coronavirus registrati nelle scorse ore: tutti i dettagli da Nord a Sud

Nuovi aggiornamenti arrivano dalle regioni in riferimento ai casi di Coronavirus registrati nelle scorse ore.

Sono 488 i casi positivi al Coronavirus in Veneto. I dati aggiornati alle 9 di questa mattina segnalano un aumento delle positivitàdi 29 casi. Aumentano anche i deceduti, arrivati a 12. Diciotto i dimessi ad oggi dall’inizio dell’emergenza.

Salgono a 28 i casi di coronavirus in Friuli Venezia Giulia, con cinque nuove positività: 2 a Trieste e 3 a Udine. Tutti sono a casa in isolamento e risultano al momento in buone condizioni di salute: lo rende noto la Regione attraverso il vicegovernatore con delega alla Salute dalla centrale operativa della Protezione civile Fvg di Palmanova.

È deceduta nella notte a Novi Ligure una donna di 81 anni, affetta da pluripatologie e risultata positiva del test del Covid 19, ricoverata da qualche giorno presso il Pronto soccorso del nosocomio, dove si era presentata con sintomi influenzali e tenuta in osservazione. Il suo quadro clinico è peggiorato improvvisamente ed è deceduta nella fase di trasferimento in rianimazione: sale quindi a tre il numero delle persone decedute in Piemonte, con positività al “Coronavirus covid19”.
Sono 135 le persone risultate positive al test nella regione: 47 in provincia di Asti, 31 nell’Alessandrino, 32 in provincia di Torino, 6 nel Verbano Cusio Ossola, 3 in provincia di Novara, 2 nel Biellese, 7 nel Vercellese, 2 a Cuneo e 5 provenienti da fuori regione. Ottanta persone sono tuttora ricoverate in ospedale. Di queste, 25 si trovano in terapia intensiva: 4 ad Asti, 8 a Torino, 2 a Orbassano, 3 a Vercelli, 5 a Tortona, 1 a Biella, 1 a Cuneo, 1 a Vercelli. Sono in isolamento domiciliare 52 persone. Tre le persone decedute. Finora sono 666 i tamponi eseguiti complessivamente in Piemonte, 445 dei quali risultati negativi.

Sono saliti a 159 i tamponi positivi al Coronavirus nelle Marche su 585 analizzati in totale: lo comunica la Regione facendo riferimento ai dati del Gores (Gruppo operativo regionale per le emergenze sanitarie), rilevati a seguito delle analisi terminate nella notte.

In Umbria si registrano 4 nuovi casi di persone positive: l’informazione arriva dalla direzione regionale alla Sanità. Si tratta di 2 uomini e 2 donne, di cui uno è ricoverato nel reparto di terapia intensiva di Perugia, mentre gli altri 3 sono in isolamento nelle loro abitazioni seguiti dai medici delle Usl Umbria 1 e Usl Umbria 2. Con i 4 nuovi casi riscontrati stamani, in Umbria sale a 16 il numero delle persone positive al Covid-19.

Foto vchal/Getty

Un giovane operaio di Sora, ricoverato da giorni in un ospedale della Capitale per altre patologie, è risultato positivo al tampone del Coronavirus.

Un caso sospetto di Coronavirus è stato segnalato in ritardo in Tunisia ed ha fatto scattare l’allarme contagio anche nel porto di Napoli. La nave Gnv Majestic, per lavori di riparazione nel bacino delle officine della Nuova Meccanica Navale, è n quarantena. A bordo ci sono 125 persone, tra equipaggio e operai che avevano iniziato le operazioni di riparazione. Di questi, 9 sono in isolamento in cabina. Si tratta di personale marittimo che il 27 febbraio scorso erano a bordo della Gnv Rhapsody, la nave da cui è sbarcato, a Tunisi, un cittadino tunisino di 40 anni risultato positivo ai test per il virus.

Il presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, in una nota, informa che sono stati effettuati i tamponi su tutte le persone in stretto contatto con il paziente di 67 anni risultato positivo al Coronavirus all’ospedale Pugliese di Catanzaro. Al primo test è risultata positiva solo la moglie, messa subito in quarantena. Come previsto dal protocollo, un campione per il test è stato inviato all’Istituto Superiore di Sanità e si è ora in attesa della conferma anche del risultato del marito. Esiti negativi ai test sia per il medico di medicina generale, che aveva visitato il sessantasettenne sabato mattina, sia per il fratello pediatra e per gli altri operatori sanitari del reparto del nosocomio Catanzarese.

In relazione al tampone prelevato il 5 marzo dai Medici dell’ASP di Messina per valutare un possibile caso di contagio da Coronavirus è stato comunicato che, dall’esame effettuato presso il laboratorio, è risultato negativo.
L’ASP di Messina sta provvedendo all’acquisto di ulteriori dispositivi individuali di protezione; sono in ordine da parte della farmacia territoriale altre 2000 mascherine e i kit per effettuare i tamponi.

Una coppia nuorese è risultata positiva al tampone per il Coronavirus. Un terzo caso, a Cagliari, riguarderebbe un medico entrato in contatto in ospedale con il primo paziente ricoverato lunedì.