Coronavirus, medico: a Bergamo “100mila positivi non censiti, ci hanno mandati incontro allo tsunami a mani nude”

Coronavirus, medico: "Molti di noi hanno l'impressione di aver contribuito alla diffusione del virus, da asintomatici"

MeteoWeb

So che i numeri ufficiali non sono credibili. Si fanno tamponi solo ai ricoverati, ma qui stimiamo 100mila positivi non censiti su 1 milione di abitanti“: lo ha dichiarato Mirko Tassinari, segretario dei medici di famiglia in provincia di Bergamo, in un’intervista al quotidiano La Stampa nella quale tiene a sottolineare di essere “solo un medico di base e non un professorone“. Secondo Tassinari i ricoveri calano “perché non c’è più posto in ospedale” e capita anche che “non si ricovera più nemmeno con 85 di saturazione“.
Gestiamo a domicilio situazioni che due mesi fa avremmo ricoverato alla velocità della luce. Altrimenti non avremmo 1200 pazienti in ossigenoterapia domiciliare“. Il segretario dei medici di famiglia ha osservato che “per un mese tutti gli sforzi si sono concentrati sulla moltiplicazione dei posti ospedalieri in rianimazione” mentre “il territorio è stato trascurato” e “questo è il risultato“. Ma a casa “non c’è la stessa assistenza, né diagnostica né farmacologica” mentre in ospedale “hai più possibilità di cura“.
In questi giorni i medici di base lombardi ricevono 500 mila telefonate al giorno. Noi siamo la prima linea. Eppure ci hanno mandati incontro allo tsunami a mani nude“. Nel senso che “non sono stati fatti i tamponi al personale sanitario” e “molti di noi hanno l’impressione di aver contribuito alla diffusione del virus, da asintomatici“.