Coronavirus, picco di casi in Iran: quasi mille morti, e se ne rischiano “milioni. Scarcerati 85mila detenuti

Le autorità hanno disposto la scarcerazione di 85mila detenuti come misura per contenere la diffusione del nuovo Coronavirus

MeteoWeb

L’Iran ha registrato 135 nuovi casi di Coronavirus, un picco del 13% che ha portato il bilancio delle vittime a 988.
Sono 16.169 i contagi rilevati, secondo quanto ha riferito il portavoce del ministero della Sanità iraniano, Kianoush Jahanpour, in una conferenza stampa televisiva.
Le autorità hanno disposto la scarcerazione di 85mila detenuti come misura per contenere la diffusione del nuovo Coronavirus nella Repubblica islamica: il portavoce della magistratura di Teheran, Gholamhossein Esmaili, ha spiegato che “il 50 per cento di loro erano in carcere per violazione della sicurezza. Sono state inoltre adottate misure di precauzione nelle carceri per contenere i contagi“.

Pochi giorni fa l’ONU aveva chiesto a Teheran di scarcerare temporaneamente tutti i detenuti politici per allentare il sovraffollamento delle carceri nel tentativo di contenere la diffusione del Covid-19.

Il Coronavirus potrebbe provocare “milioni” di morti in Iran se la popolazione non dovesse rispettare diligentemente le disposizioni delle autorità sanitarie: è il monito della tv di Stato di Teheran che ha rinnovato l’invito ad evitare gli spostamenti non necessari e a rispettare le regole.

Al momento l’Iran è il Paese del Medio Oriente più colpito dal Coronavirus.