Coronavirus, reporter francesi: “Per carità impariamo dalla situazione italiana, l’epidemia non colpisce solo anziani”

Una lettere aperta di 30 giornalisti francesi corrispondenti dall'Italia supplica l'opinione pubblica d'Oltralpe di correre ai ripari prima che sia troppo tardi

“La Francia deve imparare la lezione dall’esperienza italiana“. E’ quanto di legge in una lettera aperta firmata da 30 giornalisti francesi, corrispondenti dall’Italia, per avvertire i francesi, cittadini e autorità, che sembrano sottovalutare i rischi della pandemia da Covid-19. “Osserviamo una lontananza notevole tra la situazione a cui assistiamo quotidianamente in Italia – scrivono – e la mancanza di preparazione dell’opinione pubblica francese per uno scenario che comportera’ una diffusione consistente, se non massiccia, del nuovo coronavirus, come conferma la stragrande maggioranza degli esperti. Non c’e’ piu’ tempo da perdere, anche fuori dall’Italia“. Non e’ una malattia che colpisce piàù duramente gli anziani, spiegano parlando del caso del 38enne paziente di Codogno, ed è un’emergenza che toglie posti nelle terapie intensive. “Inoltre, molti francesi non si rendono conto che in caso di patologia grave diversa dal nuovo coronavirus non saranno curati come necessario per mancanza di posti disponibili, come accade in Italia ormai da giorni“. “Sottolineiamo infine che il sistema sanitario coinvolto è quello del nord della penisola, ovvero il migliore del paese e uno dei migliori d’Europa“. quindi, per carità, sfruttate il vantaggio e imparate “la lezione dall’esperienza italiana”.