Coronavirus, via a controlli in stazioni, aeroporti e strade. Il Viminale: “chi viola la quarantena rischia il carcere”

Coronavirus, il Viminale annuncia il pugno duro per chi viola le regole: al via i controlli

MeteoWeb

Controlli nelle stazioni, negli aeroporti e lungo le strade della Lombardia e delle 14 province interessate dal decreto. E’ questo uno dei punti della direttiva ai prefetti diramata dal Viminale per un’applicazione “uniforme e concordata” delle norme contenute nel Dpcm. Il provvedimento prevede anche che i cittadini in viaggio nelle ‘zone di sicurezza’ facciano un’autocertificazione per spiegare le “comprovate esigenze” lavorative, di salute o le situazioni di necessita’ alla base degli spostamenti.

Chi viola la quarantena rischia il carcere. Lo prevede la direttiva inviata dal Viminale ai prefetti. La sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti e’ quella prevista in via generale dal 650 cp (con una pena prevista di arresto fino a 3 mesi o l’ammenda fino 206 euro), “salvo che non si possa configurare un’ipotesi piu’ grave quale quella prevista dall’articolo 452 del codice penale: delitti colposi contro la salute pubblica, che persegue tutte le condotte idonee a produrre un pericolo per la salute pubblica”.