Inserti di Hiv nel Covid-19, direttrice del Sacco: “Il coronavirus potrebbe davvero arrivare da un laboratorio”

La ricerca che ha scoperto inserti di Hiv nel Coronavirus "è stata stranamente ritirata due giorni dopo la pubblicazione"

MeteoWeb

E’ fatto in laboratorio? E’ di origine naturale? Sulle origini del coronavirus si è scritto e discusso tanto. Ora arriva un parere autorevole che lascia a bocca aperta: sarebbe di origine naturale, ma probabilmente è stato diffuso involontariamente, oppure è scappato da un laboratorio. A sostenerlo è Maria Rita Gismondo che lo riferisce Il Fatto Quotidiano. “Nessuno può pretendere né saprà mai la verità”, spiega la direttrice di microbiologia clinica e virologia dell’ospedale Sacco di Milano. La teoria secondo cui il Covid-19 provenga da un laboratorio, dunque, potrebbe non essere sbagliata, sebbene non ci siano prove certe.

“È proprio un funzionario governativo cinese ad accusare gli americani di averlo introdotto (involontariamente) durante i Giochi internazionali dei militari tenutisi a Wuhan nel novembre 2019”, spiega la Gismondo. Uno studio biologico dell’Università di Delhi (India), infatti, ha fatto emergere come nel nuovo coronavirus vi siano inserti di proteine di Hiv: “La ricerca – spiega Gismondo – è stata stranamente ritirata due giorni dopo la pubblicazione. Comunque la si voglia pensare – chiosa la virologa – non esiste una proprietà transitiva che affermi virus naturale=virus non diffuso volontariamente o scappato dal laboratorio”. Idee, quelle della Gismondo, che ad onor del vero sono avversate da buona parte del mondo scientifico.