Il paradosso del Coronavirus: mentre nel Nord Italia aumentano i morti, al Centro Sud cala il tasso di mortalità

I titolari delle imprese di pompe funebri confermano lo strano dato: in questi giorni al Centro e al Sud muoiono meno persone del solito, perché?

MeteoWeb

Veneto e Lombardia contano migliaia di morti. Le vittime del Coronavirus aumentano a vista d’occhio. Al Centro e al Sud Italia, invece, sembra fare l’effetto contrario: dopo la chiusura del Paese le regioni meridionali e del Centro Italia hanno visto una netta diminuzione del tasso di mortalità. A darne conferma sono diversi titolari di agenzie di onoranze funebri del Lazio: “Da alcune settimane registriamo un netto calo di persone decedute rispetto alle precedenti“, dichiara Mirko Mattacchioni dell’omonima agenzia che ha sede a Lariano. “Non ci sono capitati casi di decessi di persone affette da coronavirus, ma sappiamo che comunque dobbiamo adoperare strumenti di protezione individuali. Lo abbiamo fatto nei pochi casi in cui ci e’ capitato; le morti infatti sono sensibilmente diminuite, forse addirittura della meta’ rispetto ad altri periodi

Secondo Mattacchioni la diminuzione del tasso di mortalità potrebbe avere una spiegazione molto semplice: “Forse perchè la gente stando attenta al contagio da coronavirus, evita di anche di contrarre altre patologie classiche che spesso sono letali in particolare per le persone anziane. Stando a casa, inoltre, si evitano incidenti di ogni genere, basti pensare solamente a quelli stradali e al costo che questi hanno in termini di vite umane. Sappiamo che nelle regioni del nord le cose non vanno cosi’ bene come da noi“. Alessandro Bosi, segretario della Federazione nazionale imprese onoranze funebri (Feniof) che associa, dal Nord al Sud Italia, oltre 700 aziende del settore funerario, conferma la tendenza al calo delle morti nelle regioni meno colpite dal coronavirus.

E’ come se vivere in quarantena e affrontare l’emergenza ci abbia insegnato a vivere con prudenza. A parte stare chiusi in casa, forse sarebbe meglio fare tesoro di tutto questo e mantenere alcune regole d’emergenza come regola di vita, per il futuro.