Maltempo Calabria, inizia la conta dei danni nel Vibonese: molte strade allagate, alcune abitazioni evacuate [FOTO]

Forte maltempo nella notte in Calabria: inizia la conta dei danni, la situazione peggiore si registra fra Pizzo e Maierato a causa di frane e fango

  • Stabilimento Callipo di Maierato
    Stabilimento Callipo di Maierato
  • Stabilimento Callipo
    Stabilimento Callipo
  • Stabilimento Callipo
    Stabilimento Callipo
  • Stabilimento Callipo
    Stabilimento Callipo
  • Stabilimento Callipo
    Stabilimento Callipo
  • Stabilimento Callipo
    Stabilimento Callipo
/

Inizia la conta dei danni nel Vibonese dopo l’ondata di maltempo che si e’ abbattuta ieri sera e questa notte colpendo particolarmente Vibo Marina, Pizzo Calabro e Maierato. Ma disagi si registrano anche a Vibo Valentia e nelle zone di Mileto, Nicotera, Cessaniti e San Calogero. Proprio nel territorio comunale di San Calogero, a causa di un allagamento e’ stata chiusa al traffico la Statale 18 al Km 463. Sul posto si sono portate alcune squadre dell’Anas per il ripristino della circolazione. Strada provinciale chiusa anche lungo la Mileto-Dinami a causa di due frane.

La situazione peggiore si registra fra Pizzo e Maierato dove una colata di acqua e fango ha invaso le strade a ridosso dello svincolo autostradale di Pizzo, colpendo anche l’azienda di produzione del tonno Callipo (vedi foto della gallery scorrevole in alto, a corredo dell’articolo). “Il terribile nubifragio che ci ha colpito questa notte ha portato una valanga di fango e detriti in tutta l’area esterna del nostro stabilimento. Nonostante l’emergenza mondiale in corso, la nostra azienda stava comunque mantenendo la propria operatività per continuare a garantire gli approvvigionamenti alimentari. Ora ci troviamo ad affrontare questa ulteriore “prova”, una calamità naturale che ci ha colti di sorpresa e che ci costringerà, per qualche giorno, a fermare la produzione per ripristinare le aree di accesso allo stabilimento e per riparare i danni ai locali interni e ad alcune linee produttive. Stiamo comunque tutti bene e questa è senza dubbio la cosa più importante.  Da stanotte stiamo lavorando ininterrottamente con il supporto di tanti nostri collaboratori che sono qui  con noi, in prima linea come sempre. E’ un’emergenza nell’emergenza, ma noi non molliamo e ci auguriamo di ripartire prestissimo”, commenta Giacinto Callipo.

Danni poi a Vibo Marina a causa dell’ostruzione dei fossi Cutura e La Badessa e strade allagate a Pizzo. Disagi pure nella zona di Nicotera, dove si registrano allagamenti in alcune strade di collegamento con Rosarno, e nei territori di Cessaniti e Francavilla Angitola. E’ ancora presto per un bilancio complessivo dei danni, mentre per tutta la notte sono stati continui gli interventi da parte dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri e della Polizia.

A Vibo Marina, in Via Parodi, e’ in corso un intervento per assicurare il normale deflusso delle abbondanti acque piovane; nella frazione Vena Media e’ stata evacuata una abitazione; in localita’ Cocari, in prossimita’ del cantiere del nuovo ospedale, si e’ reso necessario un intervento del Comando dei Vigili del Fuoco. Resta monitorata la situazione della frazione Longobardi, dove si e’ proceduto all’evacuazione di un’abitazione mentre sono in corso interventi in localita’ Gallizzi per lo smottamento di una strada. Tutte le persone in condizioni di disagio stanno ricevendo assistenza. In provincia, resta delicata la situazione allo stabilimento di conserve alimentari “Giacinto Callipo”, il cui piazzale con le auto parcheggiate e’ stato completamente sommerso da un fiume di detriti e fango portati a valle dal costone sovrastante. Le ruspe gia’ dal tardo pomeriggio di ieri si sono messe all’opera e il lavoro e’ proseguito tutta la notte. Allagamenti e strade invase dal fango anche nell’Angitolano e lungo la Statale 18 a Pizzo, nonche’ a Briatico e Sant’Onofrio, con alcune abitazioni evacuate in via precauzionale.

Uomini e mezzi di Anas, proseguono senza sosta, con l’ausilio dell’impresa di manutenzione, le operazioni di pulizia del piano viabile, da detriti e fango provocati dalla forte forte ondata di maltempo che sta imperversando, dalla giornata di ieri, nella provincia di Vibo Valentia. Le attività stanno interessando la strada statale 18, che rimane chiusa in località San Calogero (km 463) e tra Pizzo e Ionadi (dal km 425,000 al km 449,000) dove, al momento, il transito è consentito a senso unico alternato. Sulla ex provinciale 110 ‘Di Monte Cucco e Monte Pecoraro’, al momento si registra traffico rallentato dal km 0,000 al km 10,000 in località Pizzo, mentre sulla strada statale 182 ‘Trasversale delle Serre’ al momento il traffico è rallentato al km 23,900 in località Francica per le operazioni di pulizia da fango e detriti a causa di uno smottamento del terreno ai margini della sede stradale.

Nel vibonese e’ stata ripristinata la viabilita’ nelle strade colpite dalle violenti piogge della scorsa notte. A confermarlo e’ il consigliere provinciale di Vibo Valentia Domenico Anello delegato alla viabilita’. Nello specifico le squadre di pronto intervento, supportate dai vigili del fuoco e dai carabinieri, hanno liberato dal fango le strade provinciali numeri 1, 40, 45 nei pressi dell’Angitola, nel territorio del Comune di Filadelfia e nelle localita’ di Trivio, Liscia, Falamischia, Nuzzo, Castellano e Cannalia.

Maltempo in Calabria, bomba d’acqua a Vibo Valentia: auto sommerse da frane e fango, devastato lo stabilimento di Callipo [FOTO e VIDEO LIVE]