Previsioni Meteo, arriva un Super-Anticiclone e scoppia la Primavera: caldo anomalo fino a +27°C nei prossimi 3 giorni

Previsioni Meteo, possente onda calda dal Nord Africa verso il Mediterraneo centrale e l’Italia. Tanto sole e caldo al Centro Sud, qualche disturbo al Nord

MeteoWeb

Previsioni Meteo – È oramai una realtà la rimonta anticiclonica su tutto il bacino del Mediterraneo, in particolare sui settori centro-occidentali. I massimi di pressione in queste ore sono tra il Nord Africa occidentale, il Marocco, l’Algeria, Gibilterra, le Baleari e la Spagna centro-meridionale, ma la figura anticiclonica estende la sua influenza a tutto il bacino, un po’ meno verso gli estremi settori orientali ove è presente ancora una blanda circolazione instabile. I cieli sull’Italia sono tornati in gran parte sereni un po’ ovunque, fatta eccezione per la Sardegna, dove sono presenti più nubi basse, anche locale copertura, ma nuvolosità di origine essenzialmente marittima, con scarsi attitudini instabili e, quindi, senza precipitazioni associate o solo qualcuna davvero occasionale e debole.

Stesso tipo di nuvolosità anche sulla Calabria centro-meridionale e localmente sul Golfo Ligure, verso la Liguria centrale, ma ugualmente con tempo in prevalenza asciutto. Altrove sole splendente, salvo un passaggio di nubi alte localmente sulle aree meridionali, ma del tutto innocue. Sotto l’aspetto termico, già si avvertono tepori primaverili, nonostante le ore notturna e mattutine siano state ancora abbastanza fredde, per il lascito della circolazione più fredda precedente e per l’irraggiamento notturno, in particolare sulle aree interne. Già temperature sui +18/+20°C sono presenti su diverse aree, in particolare del Centro.

Rispetto a ieri, le temperature intorno ai 1500 m stanno già aumentando in maniera sensibile, anche fino a 6/8°C o persino 10°C in più sulle aree centro settentrionali: appena 24 ore fa le termiche a 850 hpa erano mediamente  sui +2/+4°C, anche prossime a 0° sul medio Adriatico, per via di aria più fredda in afflusso da Nord; alla medesima ora di oggi, le isoterme a 1500 m fanno segnare valori sui +6/+8°C fino anche a +10/+12°C sulle aree settentrionali, sul Centro Nord della Sardegna e sul medio e alto Tirreno. Nonostante una circolazione più fredda settentrionale, le temperature massime di ieri, già avevano raggiunto su qualche area, soprattutto delle regioni meridionali, valori intorno ai +18/+20°C, fino a 23°C in Campania, a Pozzuoli. I bassi strati, per oggi, nonostante l’aumento termico più sensibile alle quote un po’ più alte, non riusciranno ancora a essere permeati bene dall’onda calda, tuttavia riteniamo che valori sui +22/+23°C possano essere più diffusamente raggiunti, in particolare sulla Sardegna e sulle aree tirreniche centrali.

Con maggiore probabilità, invece, valori primaverili via via più significativi si raggiungeranno certamente nella giornata di domani, giovedì 12 quando le temperature al suolo potranno spingersi diffusamente fino a +24/+26°C sulla regione del medio-basso Adriatico, sulle aree Ioniche calabresi, sulla Sicilia interna e sul Sud della Sardegna. Temperature tra +21 e +24°C al Centro, fino a +20/+22°C sulle pianure del Nord. Il picco più caldo, secondo gli ultimi dati, dovrebbe toccarsi nelle ore centrali di venerdì 13, quando l’onda calda dovrebbe raggiungere l’apice sulle regioni meridionali, del basso Adriatico e insulari, con punte fino a +25/+27°, +22/+24°C al Centro. Nel contempo, sempre per venerdì 13, ma con anticipi anche giovedì sera, in corrispondenza delle regioni settentrionali,  la pressione inizierebbe un po’ a cedere a causa di modeste infiltrazioni più umide atlantiche, con arrivo di più nubi irregolari e anche di qualche debole pioggia sparsa, soprattutto sulla Liguria, sulle Alpi e sui settori centro-orientali del Friuli Venezia Giulia, occasionalmente sul resto delle aree settentrionali.