L’anno di nascita determina la nostra capacità di combattere l’influenza: potrebbe aiutare a capire chi è più a rischio in un certo anno

L'esposizione precoce a un ceppo di virus influenzale determina la nostra immunità e altera la risposta del nostro organismo, svela un nuovo studio

MeteoWeb

Dall’anno di nascita di ognuno di noi dipenderebbe anche la capacità di fronteggiare l’influenza. Lo svela uno studio canadese, secondo cui il tipo di ceppo virale a cui siamo esposti nella prima infanzia determina, per tutta la vita, la nostra capacità di combattere l’influenza. I ricercatori dell’università di Montreal e della McMaster University hanno analizzato una grande quantità di dati relativi alla stagione influenzale 2018-2019, quando due ceppi di influenza A hanno dominato in tempi diversi, il che è insolito perché normalmente è solo uno per ciascuna stagione. L’analisi fornisce così nuove prove “convincenti” – si legge nello studio pubblicato su ‘Clinical Infectious Diseases’ – a sostegno dell’ipotesi della cosiddetta ‘impronta digitale antigenica’. L’esposizione precoce a un ceppo di virus influenzale determina la nostra immunità e altera, enormemente e a vita, la risposta del nostro organismo.

Per esempio, sembra che le persone nate durante o poco dopo la pandemia di H3N2 del 1968 siano meglio preparate ad affrontare l’influenza durante le stagioni in cui l’H3N2 è dominante. “Questo potrebbe avere importanti implicazioni nel consentire ai funzionari della sanità pubblica di valutare chi può essere più a rischio in un certo anno, a seconda dell’età e dei virus che hanno dominato al momento della nascita”, suggeriscono gli autori dello studio.