Bimba di tre anni ingoia la batteria dell’orologio e muore soffocata: aperta un’inchiesta

Quando il padre ha notato il vano delle batterie di una radiosveglia aperto, ha subito chiamato il 112. Solo l'autopsia farà luce sull'accaduto

MeteoWeb

Stava giocando e ha ingoiato la pila di un orologio, morendo soffocata a tre anni. L’incidente si èverificato mentre la piccola si trovava in isolamento con la famiglia, nomadi originari del Bresciano, nella sua abitazione di Carobbio degli Angeli (Bergamo). Secondo il racconto dei genitori la piccola avrebbe messo in bocca le pile di un orologio non riuscendo più a respirare. Trasportata d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo i medici non sono riusciti a salvarla. La procura ha disposto l’autopsia. I funerali si svolgeranno domani.

I genitori, con i cinque figli, si erano trasferiti da circa un mese dal campo nomadi di Calcinatello (Brescia) alla casa degli zii a Carobbio degli Angeli. Oggi, quando il padre ha notato il vano delle batterie di una radiosveglia aperto, ha subito chiamato il 112. Solo l’autopsia farà luce sull’accaduto.