Coronavirus e animali da compagnia, l’ISS fa chiarezza una volta per tutte: cosa sapere e come comportarsi

Gli animali da compagnia, specifica l'ISS, "possono essere potenzialmente esposti al Coronavirus in ambito domestico e contrarre l’infezione attraverso il contatto con persone infette"

MeteoWeb

Pubblicato il nuovo rapporto tecnico dell’Istituto Superiore di Sanità con le precauzioni a tutela degli animali e di coloro che ne se prendono cura.

Gli animali da compagnia, specifica l’ISS, “possono essere potenzialmente esposti al virus SARS-CoV-2 in ambito domestico e contrarre l’infezione attraverso il contatto con persone infette. Ciononostante, allo stato attuale, non esistono evidenze che gli animali da compagnia svolgano un ruolo epidemiologico nella diffusione all’uomo di SARS-CoV-2. Anzi, il rapporto con gli animali è importante per il nostro benessere in questo periodo di forzato isolamento.
Tuttavia per proteggerli è necessario adottare precauzioni per un accudimento sicuro, soprattutto se si è contagiati.

L’ultimo rapporto tecnico dell’ISS, realizzato dal Gruppo Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare, fa il punto sugli studi più recenti relativi alla suscettibilità di alcune specie animali e offre indicazioni su come migliorare le conoscenze per la gestione degli animali da compagnia nell’attuale contesto epidemico.

Leggi qui il  rapporto tecnico.