Coronavirus: in Irpinia nuova “zona rossa”, si temono 200 contagiati

La decisione di istituire una "zona rossa" nel comune di Lauro è stata presa dalla Regione Campania alla luce dell'aumento dei casi di positività al Coronavirus

MeteoWeb

Con un’ordinanza firmata nella serata di ieri, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha istituito la terza “zona rossa” nel territorio regionale: si tratta del comune di Lauro, in provincia di Avellino, per il quale l’ordinanza prevede fino al 10 aprile il divieto di allontanamento e di accesso nel territorio comunale e la sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità. L’ordinanza dispone inoltre la chiusura delle strade secondarie, come individuate dal Comune sentita la Prefettura.
La decisione di istituire una “zona rossa” nel comune di Lauro è stata presa dalla Regione Campania alla luce dell’aumento dei casi di positività al Coronavirus, due nei giorni scorsi e 8 nella giornata di ieri, questi ultimi appartenenti a un unico “cluster familiare”. Una delle persone risultate positive è il titolare di un’attività nel centro del paese, molto frequentata, e potrebbe aver avuto contatti con almeno 200 persone tra fornitori e utenti. Da qui il “pericolo concreto di un ampio contagio” con la richiesta, da parte del sindaco di Lauro, dell’adozione “di una serie di misure ai fini del contenimento del rischio“.
Lauro è il secondo comune della provincia di Avellino per il quale la Regione Campania ha disposto la quarantena dopo Ariano Irpino, “zona rossa” dallo scorso 15 marzo. Sono in totale 7 i comuni in quarantena in Campania: in provincia di Salerno è stata infatti istituita una “zona rossa” che vede coinvolti 5 comuni del Vallo di Diano (Sala Consilina, Atena Lucana, Polla, Caggiano e Auletta).