Coronavirus: ossessionata dal COVID-19, donna scompare misteriosamente nel Pisano

Fuga nel buio, in pigiama e ciabatte: dal 23 marzo non si hanno notizie di una 40enne, tormentata dalla paura della pandemia di Coronavirus

MeteoWeb

Dal 23 marzo non si hanno notizie di una 40enne, quando è scappata dalla casa dei genitori a Cascina (Pisa), tormentata dalla paura della pandemia di Coronavirus: una fuga nel buio, in pigiama e ciabatte. Non è in Arno, dove i sommozzatori l’hanno cercata, non è sulle sponde del fiume, battute da Zambra fino alla foce di Marina di Pisa.
Il giallo che si sta consumando nel Pisano è raccontato da “La Nazione”: l’attività investigativa si sta muovendo a tutto campo, condotta dai carabinieri e coordinata dal pm Fabio Pelosi che starebbe seguendo alcuni precisi filoni coperti dal massimo riserbo. Nessuno scenario è escluso. La 40enne potrebbe aver fatto un brutto incontro, essere stata vittima di un aggressore che poi l’ha fatta scomparire.
La donna è stata vista fuggire dalla madre che non ha fatto in tempo a raggiungerla, e il giorno precedente la 40enne si era allontanata anche dalla casa che divide a Pisa con due studentesse. I carabinieri l’hanno rintracciata in giro, confusa, ed è stata riaccompagnata al pronto soccorso, poi è stata portata dai genitori dove poche ore dopo la cosa si è ripetuta.
Era tormentata dal virus e dall’impossibilità di vedere il figlio (avuto da una precedente relazione) con cui parlava via Skype. Non andava a trovarlo, doveva prendere il bus e aveva paura di essere contagiata. Il fatto che non si trovi nel fiume ci lascia accesa la fiammella della speranza,” ha dichiarato la madre a La Nazione.