Coronavirus, Zaia: “governo scandaloso sul rinvio delle elezioni in autunno, quando ci sarà recrudescenza del virus”

Coronavirus, polemiche sulla scelta del governo rispetto al rinvio delle elezioni Regionali e comunali

MeteoWeb

Per le elezioni è scandaloso quello che ha deciso di fare il governo: aveva l’accordo dei governatori di andare a votare il prima possibile, la finestra più sicura sarebbe stata quella di luglio. Hanno scelto di andare a votare in autunno, quando si avrà una recrudescenza del virus, si da’ una bella proroga di sei mesi a tutti e i cittadini pagheranno lo stipendio a degli amministratori non eletti ma prorogati per sei mesi“. Lo ha detto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ospite questa sera della trasmissione ‘Quarta Repubblica’ in onda su Rete 4. “Faccio appello al Capo dello Stato – ha aggiunto – che guardi dentro questo provvedimento, diametralmente opposto a quello dato da noi governatori. Abbiamo deciso di dare l’ok che prevedeva una finestra per le regionali da luglio a settembre ma ne e’ uscito un provvedimento che non abbiamo validato. E’ una presa in giro“.

Coronavirus, il Governo pensa a un’election day a fine settembre ma 4 regioni insistono su luglio: il riepilogo della giornata

elezioniIl Governo pensa a un election day tra settembre e ottobre per accorpare le elezioni regionali e amministrative che si sarebbero dovute tenere in primavera e il referendum costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari. Dal Consiglio dei ministri arriva il via libera allo slittamento: la finestra elettorale va dal 15 settembre al 15 dicembre per i Comuni, mentre i Consigli regionali che andranno a scadenza il 31 maggio sono stati prorogati fino al 31 agosto e il voto potrà quindi essere fissato al più presto per domenica 6 settembre e, al più tardi, per domenica 1 novembre.

Una scelta paradossale, se pensiamo ai precedenti dei giorni scorsi di altri Paesi che non hanno rinunciato all’esercizio democratico (dalla Francia alla Corea del Sud), considerando il diritto di voto prioritario rispetto alla paura del contagio, anche considerando che ci sono le misure per evitare folle e assembramenti alle urne.

In Italia invece l’idea del Governo è quella di concentrare le elezioni a fine settembre (domenica 20 o domenica 27), evitando di rischiare nuovi rinvii dettati da una possibile seconda ondata del CoVid-19 in autunno.

A seguito del decreto si apre la possibilità per una convocazione di tutte le consultazioni elettorali per la seconda metà di settembre in un unico ‘Election Day’ – azzarda il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’IncàIn questo modo si metterebbe al centro la salute dei cittadini, oltre a rendere possibile un risparmio economico per le casse dello Stato, garantendo anche il pieno esercizio dei diritti politici e provocando un minore impatto sull’anno scolastico 2021“.

Subito, però, arriva lo stop dei governatori di Campania, Puglia, Liguria e Veneto. Vincenzo De Luca, Michele Emiliano, Giovanni Toti e Luca Zaia accusano il Governo di aver “cancellato” la finestra di luglio, “sulla quale erano state consultate, con esito positivo, molte delle Regioni che andranno al voto“. “Spiace che il Governo abbia approvato un diverso Decreto senza alcun ulteriore confronto“, sottolineano, ribadendo “la necessità” di garantire agli elettori il diritto a esprimersi nei tempi più rapidi possibili, compatibilmente con l’andamento della epidemia e insistendo “ulteriormente” sulla necessità di allargare la finestra di voto al mese di luglio. “In ogni caso è comune intendimento delle nostre Regioni – è la sottolineatura – convocare i cittadini al voto nella prima data utile consentita dal provvedimento del Governo“.

In effetti il testo entrato in Consiglio dei ministri dopo il confronto proprio con le Regioni, prevedeva la possibilità di votare dal 12 luglio a novembre. Ma molti ministri si sono opposti all’idea di andare a votare in piena estate. Tra loro Roberto Speranza che avrebbe insistito per non dare il via libera a una campagna elettorale mentre si dice no al ritorno a scuola e affinché a Regioni e Comuni fosse concesso il tempo necessario per dotarsi di tutti i dispositivi di protezione che serviranno per svolgere in sicurezza le operazioni di voto. “Lo svolgimento delle elezioni richiede non solo che sussistano condizioni di sicurezza sanitaria il giorno fissato per il voto, ma anche che sia assicurato il pieno ed effettivo esercizio dei diritti politici nella fase precedente, durante la quale si raccolgono le firme per presentare le candidature e si svolge la campagna elettorale. Queste condizioni – taglia corto D’Incànon sono compatibili con la convocazione di elezioni prima di settembre“.