Previsioni Meteo, rischio di qualche veloce pioggia a metà mese: ecco le zone più esposte al peggioramento

Previsioni Meteo: breve e moderata crisi anticiclonica da appena dopo Pasquetta, con arrivo di locali piogge. Caleranno temporaneamente un po' le temperature , eccetto su estremo Sud e isole, qui con più caldo. L'evoluzione

MeteoWeb

Previsioni Meteo – Dopo una breve fase più anticiclonica prevista fino a tutte le festività pasquali, arriverà un breve break alla figura di alta pressione. Non si tratterà di un granché di instabilità, tuttavia, per un paio di giorni circa, dal 14 al 15 del mese, saranno possibili più nubi e anche locali piogge su diverse regioni, poi via via dopo metà mese e per il corso della prossima settimana, le nubi e le piogge andranno circoscrivendosi su qualche area settentrionale, altrove il tempo tornerà a migliorare via via. Il fastidio all’alta pressione deriverebbe essenzialmente da una doppia manovra, relativamente instabile, una prima da parte della depressione iberica che si estenderebbe leggermente verso Ovest, fino a riuscire a inviare moderati nuclei di vorticità positiva verso il Mediterraneo centrale e parte dell’Italia; una seconda, legata al transito di un nucleo freddo Baltico sull’Est Europa che con la coda potrebbe incidere fin verso le aree adriatiche e indebolire temporaneamente la struttura di alta. L’azione congiunta di queste due manovre, con disturbo a tenaglia alla figura anticiclonica, come visibile dall’immagine in evidenza, determinerebbe un temporaneo indebolimento dell’Alta in corrispondenza dell’Italia,  permettendo al flusso instabile iberico di spingersi fin verso le nostre regioni.

Le correnti Instabili, proverrebbero essenzialmente da Ovest, Spagna, Golfo del Leone, Baleari e inizierebbero a interessare il nostro paese dalla sera di lunedì 13 di Pasquetta con prime deboli piogge su Ovest Piemonte, Liguria, occasionalmente sul Nord Sardegna e alta Toscana. Dalla mattinata e poi nella giornata di martedì 14, nubi e piogge sparse (riferimento prima immagine precipitazioni) si estenderebbero a gran parte del Piemonte, a tutta la Liguria, all’Emilia e a tutto il Centro, localmente anche alla Sardegna. Nella sera di martedì 14, addensamenti con qualche pioggia potrebbero spingersi fino alla Campania orientale, al Centro Nord della Puglia e al Nord Lucania. Via via, verso mercoledì 15, cesserebbero i fenomeni sulle regioni centrali e sulla Puglia, Campania, Nord Lucania, mentre nubi e locali piogge ancora andrebbero concentrandosi tra la Liguria, il Piemonte e localmente la Lombardia centro-occidentale. Su queste aree di Nordovest, addensamenti nuvolosi con locali piogge potrebbero insistere, a fasi alterne, anche per qualche giorno dopo metà mese, mentre sul resto d’Italia andrebbe nuovamente e progressivamente ripristinandosi l’alta pressione.

In riferimento all’andamento termico, per questa fase di metà mese interessata da una maggiore instabilità, sull’Italia potrebbe manifestarsi, contemporaneamente, una temporanea influenza di correnti più fresche orientali, essenzialmente sul medio-alto Adriatico e su diverse aree del Nord, mentre un flusso caldo nordafricano potrebbe interessare la Sicilia e le estreme aree meridionali. Più nello specifico, le temperature potrebbero portarsi temporaneamente di 1/2°C sotto la media sulle aree circoscritte in colorazione blu, attestarsi nella media sulle aree in colorazione bianca, porsi sopra media su quelle a scala di arancio. In questo quadro, ci sarebbe una lieve diminuzione dei valori al Centro Nord in genere, ma non eclatante, mentre sulla Sicilia, potrebbero raggiungersi termiche quasi estive, fino a + 14 + 15°C a 850 hpa, e temperature al suolo prossimo anche ai +28/+29°C.