Tornado distrugge completamente una casa nel Mississippi: famiglia si salva nascondendosi in una stanza di cemento, l’unica cosa rimasta intatta [FOTO]

Una “stanza di sicurezza” in cemento, non più grande di un armadio, è stata l'unica cosa rimasta in piedi di una casa del Mississippi distrutta da un tornado

/

Le festività di Pasqua si sono trasformate in un incubo per i residenti del sud-est degli Stati Uniti. Devastanti tornado hanno provocato la morte di almeno 34 persone e seminato distruzione in 6 stati, radendo al suolo le case e devastando il paesaggio. In tutto questo caos di morte e distruzione, spicca la storia di una famiglia, salva per miracolo.

La mattina di Pasqua, Andrew Phillips, insieme alla moglie e ai due bambini di 2 anni e 6 mesi, stava seguendo la messa di Pasqua online a causa della pandemia di coronavirus, quando l’uomo, vigile del fuoco volontario, ha iniziato a seguire in tempo reale il forte maltempo che stava avanzando, si legge su AccuWeather, autorevole centro meteorologico statunitense. Quando la tempesta ha raggiunto la loro casa a Moss (Mississippi), Phillips ha dato un’occhiata fuori per un momento, vedendo la nube ad imbuto caratteristica dei tornado. Correndo di nuovo in casa e prendendo alcuni cuscini, l’uomo e la sua famiglia si sono precipitati verso una “stanza di sicurezza” non più grande di un armadio. L’uomo si è nascosto nella stanza insieme alla sua famiglia, riparandoli con il suo corpo. La stanza in cemento è stata uno dei motivi per i quali la famiglia aveva acquistato la casa, in cui vivevano da poche settimane, ha raccontato l’uomo all’Associated Press.

Il tornado non ha lasciato nulla nel suo passaggio, distruggendo la casa dei Phillips, l’edificio della loro azienda di lavorazione delle carni e la loro auto. Ma la stanza di cemento è rimasta in piedi, integra, e la famiglia ne è uscita sana e salva (vedi foto della gallery scorrevole in alto, a corredo dell’articolo). “Più guardo ciò che è rimasto della nostra casa, più mi viene in mente il sepolcro in cui trovava Gesù Cristo. Eravamo lì dentro e Gesù ci ha protetto. Ma quando la tempesta era finita, il sepolcro era vuoto, siamo usciti vivi proprio come Gesù hanno fatto per noi”, ha scritto Phillips in un post su Facebook.

Nella città di Moss, la famiglia Phillips ha resistito alla forte ondata di maltempo che ha ucciso decine di persone. La furia del maltempo ha abbattuto gli alberi, le linee elettriche e persino rimosso dalle fondamenta alcune case, lasciando mezzo milione di persone senza energia elettrica. La maggior parte dei decessi è avvenuta proprio nel Mississippi, dove sono state registrare 12 vittime. Il South Carolina ha avuto 9 vittime, seguito dalla Georgia con 8. Il Tennessee ha riportato 3 decessi, Arkansas e North Carolina entrambi uno. Alabama, Georgia, Louisiana e Mississippi hanno dichiarato lo stato di emergenza a causa delle devastanti tempeste.

Le 34 vittime di questa violenta ondata di maltempo hanno spinto il 2020 ad essere l’anno più mortale per i tornado dal 2012, quando c’è stato un totale di 68 vittime a causa dei violenti vortici. Fino a ieri, 14 aprile, sono state registrate 67 vittime attribuite ai tornado nel 2020, riporta AccuWeather. Nel 2011, gli Stati Uniti hanno visto un totale di 553 vittime a causa delle violente trombe d’aria, che lo rendono il secondo anno più mortale mai registrato.

I team del Servizio Meteorologico Nazionale (NWS) di Jackson (Mississippi) hanno classificato il tornado che ha colpito a sud-ovest di Bassfield come un EF4 con venti fino a 273km/h. I tornado che hanno attraversato le contee di Lawrence, Jeff Davis e Marion è stato classificato come EF2 e il secondo tornado nelle contee di Lawrence e Smith come EF3. Le classificazioni potrebbero ancora cambiare mentre i team continuano a valutare i danni.