Il ciclone Amphan tocca terra sul Bengala Occidentale con venti a 185km/h: ci sono già le prime vittime

Il ciclone Amphan si abbatte sul Bengala occidentale con venti fortissimi e violente piogge: poi si sposterà verso il vicino Bangladesh

MeteoWeb

Il ciclone Amphan, una delle tempeste più potenti degli ultimi anni sulla Baia del Bengala, si è abbattuto sulla costa orientale dell‘India. Lo ha reso noto l’Istituto meteorologico indiano, affermando che ”la tempesta ciclonica estremamente grave” ha iniziato ad abbattersi sulla costa del Bengala occidentale con forti venti e violente piogge. ”Il processo di avvicinamento è iniziato e durerà per circa quattro ore”, si legge nel bollettino. Si prevede che Amphan verrà accompagnato da venti che soffieranno a una velocità fino a 185 chilometri all’ora sul Bengala occidentale, per poi spostarsi verso il Bangladesh vicino a Sundarbans, la più grande foresta di mangrovie del mondo.

Due persone hanno perso la vita nei distretti di Kendrapara and Bhadrak del Bengala occidentale a causa di Amphan. Lo scrive l’agenzia di stampa Pti. Il ciclone raggiungera’ Kolkata, la capitale dello stato e i distretti circostanti questa sera, portando raffiche di vento fortissime.

Amphan è il secondo “super ciclone” a essersi formato in vent’anni nel nordest dell’Oceano indiano. Il Bangladesh ha evacuato 2,39 milioni di persone verso 14.336 centri, mentre in India mezzo milione di cittadini sono stati trasferiti in rifugi.