Coronavirus, Unicef: 116 milioni di bambini nasceranno all’ombra del COVID-19

"È difficile immaginare quanto la pandemia di Coronavirus abbia trasformato la maternità"

MeteoWeb

Saranno in totale 116 milioni i bambini che nasceranno mentre il mondo lotta contro la pandemia di Coronavirus: è la stima che l’Unicef rende nota in occasione della festa della mamma, che cade in piena emergenza sanitaria internazionale. Una festa che coinvolge a maggio 128 Paesi.
Si prevede che questi bambini nasceranno entro 40 settimane da quando il Covid-19 – che attualmente sta mettendo a dura prova i sistemi sanitari e le catene di approvvigionamento medico in tutto il mondo – è stato riconosciuto come pandemia l’11 marzo“, spiega il presidente dell’Unicef Italia Francesco Samengo.
Milioni di madri in tutto il mondo hanno intrapreso un viaggio di genitorialità nel mondo che conoscevamo. Ora devono prepararsi a portare una vita nel mondo così com’è diventato – un mondo in cui le madri in gravidanza temono di andare nei centri sanitari per paura di essere contagiate, o di perdere le cure di emergenza a causa di servizi sanitari affaticati e dei lockdown“, afferma Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef. “È difficile immaginare quanto la pandemia di Coronavirus abbia trasformato la maternità“.

I Paesi con il maggior numero di nascite previste nei 9 mesi dalla dichiarazione della pandemia sono India (20,1 milioni), Cina (13,5 milioni), Nigeria (6,4 milioni), Pakistan (5 milioni) e Indonesia (4 milioni).