Emergenza Coronavirus: 65 milioni di euro a chi gestisce scuole private come aiuto per le mancate rette

Un contributo statale di 65 milioni di euro in favore dei soggetti che gestiscono nidi, micronidi e materne privati per sopperire alle mancate rette

MeteoWeb

Il prossimo dl Maggio potrebbe contenere un contributo statale di 65 milioni di euro, da ripartire con decreto del Miur, in favore dei soggetti che gestiscono in via continuativa nidi, micronidi, materne e servizi domiciliari all’infanzia privati, come aiuto per le mancate rette non incassate in tempo di emergenza coronavirus. È una delle proposte avanzate per il dl Maggio, contenuta in una bozza sul tavolo di Palazzo Chigi di cui Public Policy ha preso visione, che potrebbe essere inserita nel prossimo decreto economico del Governo, ribattezzato dl Rilancio. La precedente proposta, anticipata da Public Policy, prevedeva invece un contributo di 200 euro a bambino ma solo per nidi privati o convenzionati con i comuni, relativamente al periodo del mancato versamento delle rette determinato dalla sospensione del servizio dovuto all’emergenza epidemiologica da coronavirus.