Palermo, donna incinta con il COVID si aggrava: da Pavia arrivano 2 sacche di plasma, corsa contro il tempo per salvarla

Coronavirus: corsa contro il tempo per salvare la donna incinta risultata positiva al COVID, ricoverata da domenica sera

MeteoWeb

Sono arrivate ieri sera all’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo due sacche di plasma autoimmune provenienti da Pavia: sono giunte in Sicilia con un volo di Stato alle 23:15, sono state prelevate dal personale del 118 e portate all’ospedale Cervello, dove è scattata la corsa contro il tempo per salvare la donna incinta risultata positiva al Coronavirus, ricoverata da domenica sera.
Le sue condizioni si sono rapidamente aggravate, è intubata e sedata, mentre il piccolo che porta in grembo resta costantemente monitorato.
La donna, originaria del Bangladesh, ma residente a Palermo, lo scorso 15 maggio era tornata in città da Londra facendo scalo a Roma: pochi giorni dopo ha iniziato a stare male ed è stata condotta in ospedale.

Tutti i passeggeri che hanno viaggiato con la donna sono stati avvisati dall’Alitalia e dai sanitari dell’Asp di Palermo, e sono state individuate le persone che sono venute a contatto con la gestante. A tutti è stato eseguito il tampone.