Spazio: il nuovo telescopio della NASA dedicato a una donna, la “mamma di Hubble”

Il nuovo telescopio spaziale della NASA porterà il nome di Nancy Grace Roman, l'astronoma considerata la "mamma" del telescopio spaziale Hubble

MeteoWeb

Il nuovo telescopio spaziale della NASA – il cui lancio è atteso nel 2025 – porterà il nome di una donna, Nancy Grace Roman, l’astronoma considerata la “mamma” del telescopio spaziale Hubble.
Il nuovo telescopio avrà il compito di cercare i pianeti che si trovano in altri sistemi solari e di investigare su tanti misteri astronomici, come l’energia oscura.

Nata a Nashville, nel Tennessee, il 16 maggio 1925, Nancy Grace Roman coltivò la passione per l’astronomia fin da bambina: dopo aver finito il liceo in soli tre anni, lavorò in diversi osservatori ottenendo prima la laurea e quindi un Phd in astronomia. Nel corso dei suoi studi, Nancy Roman lottò contro i pregiudizi verso le donne, considerate non adatte al mondo della scienza. Dopo aver lavorato al Naval Research Laboratory, fece domanda alla NASA, appena costituita, e divenne la prima Chief of Astronomy dell’Office of Space Science, nonché la prima donna a occupare una posizione dirigenziale presso l’agenzia spaziale. Ha lasciato un’enorme eredità nella comunità scientifica quando è morta nel 2018.

Nancy Grace Roman NASAE’ grazie alla leadership e alla visione di Nancy Grace Roman che la NASA è diventata pioniera nell’astrofisica e ha lanciato Hubble, il telescopio spaziale più potente e produttivo al mondo“, ha spiegato l’amministratore Jim Bridenstine. “Non riesco a pensare a un nome migliore per il successore dei telescopi Hubble e Webb“.

Il Nancy Grace Roman Space Telescope, che finora era stato chiamato Wfirst (Wide Field Infrared Survey Telescope), ha uno specchio primario del diametro di 2,4 metri e scruterà un’area del cielo 100 volte più grande di quella osservata da Hubble. Una singola immagine del telescopio Roman sarà l’equivalente di 100 immagini di Hubble.